Spunti per una riflessione su Gesù Abbandonato in relazione alla riconciliazione fra i cristiani

All’odierna riflessione nel movimento ecumenico quest’articolo vuole offrire un contributo di teologia che scaturisce dalla spiritualità dell’unità. La riconciliazione è un tema di grande priorità nel mondo ecumenico. Sul fondamento biblico della

kenosis di Gesù crocifisso, che ci ha riconciliato con Dio e fra di noi, ecumenisti oggi lo propongono come modello da seguire per il ristabilimento della piena comunione visibile di tutti i cristiani. Nella spiritualità dell’unità del Movimento dei Focolari – che dalla Seconda Assemblea Ecumenica Europea a Graz è chiamata anche «spiritualità di riconciliazione» –, Chiara Lubich, con il proprio carisma dell’unità, dal 1944 ha visto Gesù crocifisso e abbandonato come un paradigma dell’unità. Agli inizi degli anni ’60 il piano ecumenico di Dio sul Movimento dei Focolari si manifesta. Da allora si evidenzia quanto tale spiritualità dell’unità può dare per la riconciliazione fra i singoli cristiani e fra le Chiese. 

Articolo completo disponibile in Pdf

I più letti della settimana

Eichmann

Eichmann e la banalità del male

Simple Share Buttons