Sporcarsi le mani con la vita

In barca a vela verso l’ignoto. 44.448 mila km in solitaria. È il giro del mondo di Giancarlo Pedote

Il giro del mondo è un romanzo. È avventura che parte da lontano. Il giro del mondo è nostalgia, ancor più quando di mezzo c’è l’ignoto fascino del mare. Il giro del mondo – diceva lo scrittore Jules Renard – ti permette di «far durare la conversazione un quarto d’ora in più». Un “quarto d’ora” che Giancarlo Pedote, 44 anni,…

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Per visualizzarlo effettua il login

Non sei un utente abbonato?

Leggi anche

I più letti della settimana

Altri articoli

Simple Share Buttons