Spazi di dialogo

Paese in prevalenza musulmano, la Costa d’Avorio è una nazione di grandi contrasti. Basta pensare all’immensa chiesa costruita nella capitale di Yamoussoukro, il luogo di culto cristiano più alto del pianeta e uno dei più grandi: la basilica di Nostra Signora della Pace, voluta dal primo presidente Félix Houphouet-Boigny sul modello della basilica di S. Pietro e consacrata da papa Giovanni Paolo II il 10 settembre 1990. Questo desiderio di integrazione di cultura e religioni si rende ancora presente oggi, come vediamo da quanto ci racconta Justin Nary, sacerdotedella Repubblica Centrafricana, da cinque anni in Costa d’Avorio.

Scarica l’articolo in pdf /

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Per visualizzarlo effettua il login

Non sei un utente abbonato?

I più letti della settimana

Chiara D’Urbano nella APP di CN

Edicola Digitale Città Nuova - Reader Scarica l'app
Simple Share Buttons