“Cashback” col pagamento elettronico

Dal 1° dicembre al via il cashback, cioè il rimborso del 10% sulle spese effettuate con strumenti di pagamento elettronico
Pagamento con carta elettronica (Kevin D. Liles/AP Images for Visa)

Con il famoso “Decreto Agosto”, il Governo ha messo in campo molteplici misure volte ad incentivare l’uso di carte di credito, bancomat, e combattere l’evasione fiscale. Tra queste misure, che dovrebbero partire dal prossimo 1° dicembre, la più importante è sicuramente il cashback, in italiano letteralmente “soldi indietro”. Vediamo meglio di cosa si tratta e come funzionerà.

In cosa consiste
Si tratta della restituzione di una parte (10%) delle somme versate con strumenti di pagamento elettronico e cioè bancomat, carte di credito, bonifici bancari, ma anche app installate sul proprio telefonino (come Apple Pay, Samsung Pay o Satispay). Tali rimborsi arriveranno con cadenza semestrale e ci saranno anche due super premi da 1.500 euro per i primi 100mila aderenti che totalizzeranno il maggior numero di transazioni digitali. Per partecipare al programma serviranno minimo 50 transazioni a semestre e il rimborso potrà arrivare fino a 150 euro, su un tetto di spesa complessivo di 1.500 euro ogni sei mesi. Il rimborso del 10% sarà calcolato su massimo 150 euro a transazione, e le spese superiori concorreranno comunque fino a quella soglia.

Quali acquisti sono permessi
Gli acquisti inclusi nel computo del cashback sono solo quelli effettuati fisicamente negli esercizi commerciali, dove si potrebbe in alternativa pagare in contanti. Lo shopping online è escluso dall’incentivo in quanto si tratta già di acquisti per loro natura effettuati tramite carte di credito e dunque tracciabili. Dagli acquisti nei negozi tradizionali, però, non ci sono esclusioni di categorie merceologiche per avere diritto al cashback. Ovvero si può comprare di tutto, dal tv color al caffè.

Cosa bisognerà fare
Per partecipare al programma cashback bisognerà essere maggiorenni, residenti in Italia e scaricare ed iscriversi all’app Iò della pubblica amministrazione, la stessa usata anche per il Bonus Vacanze. Gli interessati dovranno registrarsi al programma dopo essere entrati con il proprio Spid indicando il proprio codice fiscale, le carte o le app che si intendono utilizzare per partecipare al programma e le coordinate bancarie nonché l’Iban per ricevere il rimborso ogni sei mesi (a giugno e dicembre). Solo dopo l’iscrizione sulla piattaforma i pagamenti con carte e sistemi digitali saranno registrati per il calcolo del rimborso e per partecipare al premio speciale per chi usa di più le carte.

Quando prenderà il via
Come previsto dal Decreto Agosto, la decorrenza del cashback è fissata per il 1° dicembre. Il mese di dicembre, infatti, sarà molto importante in prospettiva delle spese natalizie e comunque sarà ancora una fase sperimentale poiché basterà un minimo di 10 pagamenti tracciabili per poter ottenere il rimborso. Si prevede che il meccanismo potrà essere a regime presumibilmente dal gennaio 2021, e quindi le operazioni minime richieste saranno 50 da spalmare nel primo semestre 2021 e altre 50 per il secondo.

 

Leggi anche

I più letti della settimana

Altri articoli

Simple Share Buttons