Sola. Io e il mare.

La pelle bruciata dal sole, due occhi azzurri, chiari, ma carichi di mistero, un fisico asciutto, agile e muscolare, le mani callose, ma non prive di femminilità. Alessandra non è solo l’atleta salita sul podio più alto del windsurf a Sidney: è una donna matura, tenace, forte. E solitaria. Si schermisce, sorride. Poi ammette: “Me lo dicono sempre che non rispondo ai canoni classici del surfer, spiaggiaiolo, rumoroso e di compagnia. Amo allenarmi sempre da sola: per confrontarmi con il vento e le onde non c’è bisogno degli altri, lo senti dentro di te quando va bene. Non è che non mi piace la compagnia: sono abituata così”. Da sola si allena e da sola vive, tranquilla nella tranquilla Grosseto: un monolocale arredato con gusto, moderno e funzionale, in cui convivono il computer e la macchina per i pesi, la foto dell’oro olimpico e la targa di “commendatore della repubblica”. “Ho cominciato a salire quando ero ancora piccina sulla tavola a vela: era enorme per me, allora era anche pesante, con il boma di legno. È uno sport divertente, straordinario, sei su una tavola, sulle onde, e la tua palestra varia sempre, non ha quattro mura. È stato mio padre, che ha sempre avuto una barca, ad insegnare a me ed alle mie tre sorelle più grandi ad amare il mare “. Un amore che non ha mai tradito. A sedici anni ha perso la madre: “La sua figura per me è sempre viva, per questo ho dedicato a lei l’oro di Sidney” confida. Il ricordo la lascia sospesa, lei donna di certezze, che con la fede ha poca confidenza. Ma è un attimo: “Sono cambiate tante cose dopo Sidney: ero solo un’atleta, ora devo anche pensare a gestire la mia immagine, a progettare il mio futuro. Una nuova stimolante sfida “. La maglietta bianca dello sponsor, che ha curato di indossare, testimonia cosa significa praticare e dover vivere di uno sport lontano dalle prime pagine dei giornali. “Si sta alzando il vento” commenta, mentre attraversiamo Grosseto, con una confidenza tutta sua con l’agente atmosferico. “Il vento è il motore, mi piace quando è forte perché rende la cosa più estrema. Le ragazze più giovani pensano sia da catturarne il più possibile con la vela, dominandolo fisicamente, con la forza delle braccia. Ë vero che bisogna saper soffrire, ma il vento occorre sentirlo, capirne la forza e la direzione, catturarne solo la quantità giusta, che sia forte o debole, perché la tavola scivoli sul mare. E poi saper riconoscere le onde, mai uguali per te e per le altre, anche se gareggi fianco a fianco. È una partita a scacchi, ma giocata nelle condizioni di massima fatica muscolare. Non sempre la strada più breve è quella più veloce: vinci se fai le scelte giuste”. Alle Olimpiadi si gareggia tutti con lo stesso tipo di tavola e di vela, la Mistral, che da il nome alla classe: “Non è il mezzo più adatto quando il vento è forte: nessuno ha la forza di domare una vela così grande, ed allora è importante lasciarsi portare dal vento, lasciarsi sollevare, anticiparlo per farlo incidere con continuità sulla vela “. Sensibilità, al vento ed alle onde: è questo il segreto di una atleta che vanta un palmares vertiginoso di vittorie conquistate in ogni golfo della terra. Sensibilità acquisita grazie all’essersi cimentata, solo lei e la sua rivale di sempre, la neozelandese Barbara Kendall, non solo in una, ma in tutte le discipline della tavola. È una questione di feeling. Di sensibilità e di enorme carica agonistica: “Lo sport per me è sempre stato solo agonismo: il confronto è l’unico modo per verificare se hai imparato uno sport, ma lo scontro vero è con sé stessi. Perdere? Mi capita poco” ma la paura di perdere c’è sempre. Mi è successo alle Olimpiadi, a Barcellona (settima) e ad Atlanta (bronzo), quando ero seconda: la paura di andare fino in fondo mi ha portato a compromettere i risultati con delle partenze false. Perdere è sempre duro, ma è stimolante: significa vedere i tuoi punti deboli e lavorare su di essi. Nella nostra disciplina devi guardare a te stessa, senza cercare scuse fuori di te. E vincere vuol dire che sei la migliore. Per questo per me una medaglia olimpica ha un valore indipendentemente dallo sport in cui è stata conquistata: rimani nella storia”. Anche se il windsurf non è disciplina lontana solo dalle prime pagine, ma anche dal pubblico e dal calore del tifo: “Nella tavola a vela il sostegno di chi ti ama lo porti nell’anima. È una sensazione forte, la senti dentro di te, ti accompagna anche quando sei lontana da riva e ti aiuta moltissimo. Fare windsurf è un po’ come giocare sempre” fuori casa”.

I più letti della settimana

Il riposo secondo Francesco

Domande sui fatti di Voghera

No vax, no tax, no fax, no sax…

No vax, no tax, no fax, no sax…

C’è un modo per separarsi bene?

Simple Share Buttons