Social bene(male)detti

In un sistema informativo in cui ormai non ci sono più solo i grandi organi di informazione, ma anche il citizen journalism, il giornalismo dei cittadini, che, se è vero che nel 99% dei casi non rispetta le regole di un buon giornalismo, ha però il pregio di moltiplicare a dismisura le fonti cui la buona informazione può attingere.

In occasione del Covid-19 è stato detto e scritto di tutto sui social, strumenti inventati a cavallo del vecchio e del nuovo millennio da feconde menti scientifiche e umaniste al contempo, intelligenze indubbiamente geniali che hanno saputo intuire che l’ambiente digitale aveva incredibili potenzialità sociali.
A loro modo questi personaggi sono stati dei profeti-imprenditori, che hanno conosciuto successi strepitosi,…

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Per visualizzarlo effettua il login

Non sei un utente abbonato?

Leggi anche

I più letti della settimana

Altri articoli

Simple Share Buttons