Serbi a Trieste

Il contributo significativo dato dai serbo-ortodossi allo sviluppo economico e culturale della città giuliana.
Al turista in visita a Trieste non passa inosservata per magnificenza di marmi, icone, affreschi e mosaici che ricordano quelli ravennati e veneziani. È la chiesa di San Spiridione, alla cui decorazione furono chiamati insigni artisti lombardi: quasi un lembo dell’Oriente bizantino trasportato in Occidente, in questa città marinara che, sulla scia di Venezia, è stata pur essa mediatrice fra entrambi i mondi.

Punto di riferimento della comunità religiosa serbo-ortodossa che qui s’insediò nel XVIII, allorché Trieste si andò configurando quale principale porto commerciale dell’Impero austriaco, questo grandioso tempio celebra i 140 anni dalla consacrazione, mentre ne sono trascorsi 240 dalla prima messa celebratavi in antico slavo ecclesiastico. Due date che oggi, attraverso una mostra allestita nei suggestivi spazi del castello di San Giusto, sono occasione per ripercorrere tutta un’epoca e sottolineare l’importanza del ruolo culturale ed economico che tale comunità ebbe per lo sviluppo della città giuliana.

Tramite ritratti, fotografie, progetti, libri, documenti d’archivio provenienti anche da Belgrado, Genti di San Spiridione. I serbi a Trieste 1751-1914 dà risalto ai personaggi più rappresentativi di famiglie come i Popovich, gli Opuich o gli Skuljevich – solo per citarne alcune – che contribuirono alle fortune della città per quanto riguarda i settori commerciale, marittimo, assicurativo e politico, la beneficenza e il collezionismo.

Se l’attività marinara era di primaria importanza, non esauriva però gli interessi dei commercianti serbi, che preferivano investire gli ingenti capitali di cui disponevano in diversi altri settori. Oltre all’acquisto e alla vendita di merci, provvedevano al loro trasporto con naviglio proprio. Per finanziare gli acquisti fondarono le prime banche private e per assicurare le merci le prime compagnie di assicurazione: alla fine del Settecento, su quattordici compagnie esistenti sulla piazza triestina i cosiddetti “illirici” ne controllavano otto.

A loro si devono anche alcuni dei più imponenti edifici privati della nuova Trieste. Inoltre due sezioni della mostra riguardano la biblioteca e la scuola serbo-ortodosse, importanti istituzioni che con i loro preziosi documenti e volumi hanno perpetuato il patrimonio culturale serbo in città.

Non poteva mancare un ampio spazio dedicato alle vicende architettoniche e ai manufatti liturgici della chiesa di San Spiridione che, sorta nelle adiacenze di un luogo prestigioso come il Canal Grande, testimonia il “peso” economico e culturale di una comunità piccola rispetto ad altre che hanno messo radici a Trieste (nel momento di maggiore floridezza  gli illirici non superarono mai le cinquecento unità), e proprio per questo può far riflettere sul contributo significativo che può venire anche dalle minoranze.

 

Genti di San Spiridione. I serbi a Trieste 1751-1914. Trieste, castello di San Giusto. Fino al 4 novembre. (Catalogo SilvanaEditoriale)

Leggi anche

I più letti della settimana

Altri articoli

Simple Share Buttons