Senza arte né parte

Uomini di mondi oppopsti a confronto con opere d’arte di difficile comprensione.
Senza arte ne parte

Uomini “senza arte né parte” a confronto con opere d’arte di difficile comprensione. Due mondi opposti: quello di operai licenziati, bisognosi e inventivi e quello di “artisti concettuali” contemporanei e di quanti li circondano per snobismo. Giovanni Albanese ha spiegato di aver voluto descrivere tale impatto, ispirandosi alla tradizione della commedia all’italiana, e l’ha ambientato nella cornice pugliese. Ha puntato non tanto sulle battute, quanto sulle atmosfere tragicomiche, privilegiando «situazioni dove la tragedia è spesso fonte di una comicità vera e disperata, che ci riporta al centro della vita degli uomini», specialmente di quelli semplici come gli eroi di questo film lieve e simpatico.

 

Regia di Giovanni Albanese; con Giuseppe Battiston, Vincenzo Salemme, Donatella Finocchiaro.

 

Valutazione della commissione nazionale film: consigliabile, semplice.

I più letti della settimana

A proposito di Suicidio Assistito

Esercizi di… ascolto

Leadership al femminile

Mi prendo cura

Strappare lungo i bordi

Simple Share Buttons