Sci, coppa del mondo femminile: grande weekend a Cortina

Sulla pista veneta di Cortina d’Ampezzo, durante il weekend, quinta tappa del campionato del mondo femminile di sci: successi per Sofia Goggia, Elena Curtoni e Marta Bassino
Sci, coppa del mondo femminile
Cortina d'Ampezzo, Coppa del Mondo sci alpino: Sofia Goggia festeggia il primo posto sul podio all'area di arrivo della discesa libera femminile (AP Photo/Alessandro Trovati) Associated Press/LaPresse

Grande sci sulla pista veneta di Cortina d’Ampezzo, durante il weekend, dov’è andata in scena la quinta tappa del campionato del mondo femminile. Apertasi già il venerdì con la discesa libera, replicata poi al sabato, ha poi offerto un Super Gigante finale alla domenica; vedendo ancora una volta protagoniste le nostre azzurre, guidate da Sofia Goggia ed Elena Curtoni.

 

Goggia stravince la discesa libera

Nel freddo venerdì di Cortina, la bergamasca Sofia “robocop” Goggia mette il suo quarto sigillo stagionale su cinque nella discesa libera, confermandosi sempre più dominatrice della specialità. Con un tempo di 1’33’47, la nostra fuoriclasse domina su tutte le avversarie, esclusa forse la slovena Ilka Stuhec, capace di tenerle a tratti testa concludendo al secondo posto con 13 centesimi di svantaggio. Male la principale contendente al titolo della Goggia, Corinne Suter, che, a metà della sua prova, cade rovinosamente concedendo momentaneamente a Sofia un sostanzioso vantaggio in classifica generale di specialità: la svizzera lascia per qualche minuto tutti in apprensione a causa del violento impatto ma, dopo qualche minuto, si rialza arrivando al traguardo lestamente. Buona gara anche per l’altra italiana Elena Curtoni (a 72 centesimi da Goggia, con il tempo di 1’34’19) che, pur piazzandosi solo ottava, tiene un distacco marginale dal gradino più basso del podio occupato dalla tedesca Kira Weidle. Nella top 20 anche le altre italiane Laura Pirovano (a 1’01 dalla vetta), Federica Brignone (con il distacco di 1’04) e Nicole Delago, che chiudono rispettivamente dodicesima e diciottesime (Brignone e Delago hanno chiuso con lo stesso esatto tempo, decretando un ex aequo).

 

Coppa del mondo di sci
Elena Curtoni festeggia il terzo posto nella discesa libera femminile di Coppa del Mondo di sci alpino, a Cortina d’Ampezzo, sabato 21 gennaio 2023. (AP Photo/Alessandro Trovati)

Curtoni terza al sabato

Al sabato, Sofia Goggia torna tra gli umani non riuscendo a riconfermarsi nella seconda discesa libera a causa di una brutta caduta durante la sua prova (ricordando peraltro il suo gareggiare con una mano fuori uso perché operata un mese fa). A vincere la discesa è invece Ilka Stuhec, dopo il secondo posto del giorno precedente, con il tempo di 1’04’73. Sugli scudi comunque i nostri azzurri grazie ad Elena Curtoni che chiude la sua gara terza a un centesimo dalla slovena, confermando una grande costanza di risultati. Tutte altre italiane chiudono invece fuori dalla top 10: Laura Pirovano al diciassettesimo posto, con un ritardo di 87 centesimi, mentre le sorelle Delago in ventunesima e ventiquattresima posizione (Nicole a 1.22 dalla vetta mentre Nadia a 1.38). Sofia Goggia, per una volta, ai microfoni deve assaporare l’amara frustrazione di chi sa di avere sbagliato: «Peccato, ho proprio sbagliato, non è stato un errore di deconcentrazione o una perdita di lucidità. Ho proprio sbagliato: ho preso lo spigolo, sono passata in un punto su un dosso leggermente irregolare che mi ha sbilanciato in aria, è andata bene che non sia successo niente».

 

Forfait Goggia ma terza Bassino

Per la verità, proprio niente no, dato che alla domenica, quando mancavano poche ore all’avvio del Super Gigante, Goggia ha annunciato che non avrebbe preso parte alla gara a causa di un fastidio al ginocchio procuratosi nella caduta del giorno precedente. Nonostante ciò, è Marta Bassino a tenere alti i colori azzurri con un terzo posto finale: peraltro l’azzurra, dopo essere stata per buona parte di gara in vetta alla classifica, viene battuta solo nel finale da Mowinckel e Huetter. La slovena e l’austriaca la precedono rispettivamente con tempi di 1.23’22 e 1.23’52, mentre l’azzurra paga un ritardo di 47 centesimi dalla vetta. Prestazione invece sottotono per Federica Brignone, che chiude solo all’undicesimo posto con un ritardo di 84 centesimi. Finisce con una sesta posizione Elena Curtoni che ferma il cronometro su 1’22’78. Federica Brignone in questo momento può vantare la prima posizione nella classifica generale del Super G, con 209 punti allungando sulla svizzera Lara Gut a 192 punti. Terza ad ora Elena Curtoni, a sole due lunghezze dalla seconda posizione. Già domani però, sulla pista di Kronplatz, nella suggestiva cornice del Trentino Alto-Adige, si riprenderà: riuscirà in particolare Sofia Goggia a riscattare un suo errore, cosa più unica che rara?

 

__

Sostieni l’informazione libera di Città Nuova! Come? Scopri le nostre rivistei corsi di formazione agile e i nostri progetti. Insieme possiamo fare la differenza! Per informazioni: rete@cittanuova.it
_

I più letti della settimana

Eichmann

Eichmann e la banalità del male

Esercizi di… radicamento

Beato Livatino

Il giudice ragazzino “vive” ancora

Scegliere il bene ogni giorno

Simple Share Buttons