CN+

Ruanda felix?

A 27 anni dal genocidio che fece un milione di morti, il piccolo Paese nel cuore dell’Africa mira a essere la Svizzera del continente nero
Ruanda
Teschi e ossa di coloro che sono stati uccisi durante il genocidio di Ntarama, Ruanda, 1994. (AP Photo/Ben Curtis, File)

La Francia ex-colonialista, o forse ancora diversamente tale, ha la coscienza sporca a proposito dell’ultimo grande genocidio della storia. La visita del presidente Macron a Kigali, la scorsa settimana, lo ha dimostrato. Il primo cittadino francese ha chiesto perdono per…

QUESTO CONTENUTO È RISERVATO AGLI ABBONATI A CN+

Per visualizzarlo effettua il login

Non sei un utente abbonato?

I più letti della settimana

Covid: ci sarà una quarta ondata?

Per una formazione in stile sinodale

Gocce di Vangelo 21 giugno 2021

Simple Share Buttons