Rinascimento tedesco

Per la prima volta in Italia il celebre ritrattista di Lutero, con settanta tavole.
Cranach
Per la prima volta in Italia il celebre ritrattista di Lutero, con settanta tavole. Una scoperta. Lucas, artista manager di una florida bottega in Sassonia, produce opere devozionali, ritratti, scene mitologiche di sapore morale. Pittore della Riforma, ma anche dei committenti cattolici, vive tra il 1472 e il 1533 la fioritura rinascimentale e la divisione dell’Europa cristiana.

 

Cranach interpreta il suo tempo in modo acuto. Ritrae protagonisti come Carlo V e il duca sassone Federico il Saggio, dipinge Madonne col bambino, crea un tipo di bellezza femminile algida, in contrasto con la fisicità italiana.

Ama giardini fioriti, cieli boreali, scene di caccia di gusto tardogotico. Ma la sua sensibilità è rinascimentale. L’uomo e la donna sono al centro del mondo, creature però in apparenza assenti, lontane, fatte di gomma. Colori perlacei, luci lunari. Cranach tende all’astrazione. I personaggi ci guardano, ma non ci vedono. Possono attrarre i sensi, ma svaniscono subito. È nell’ambiguità fra reale e mistero, tra passione e simbolo, il fascino di quest’arte irrequieta e drammatica.

 

Cranach. L’altro Rinascimento. Roma, Galleria Borghese, fino al 13/2/11 (cat. 24 Ore cultura).

Leggi anche

I più letti della settimana

Altri articoli

Simple Share Buttons