Rinascimento africano

Fu Nelson Mandela a coniare, nel 1994, lo slogan del “Rinascimento africano”. A 16 anni di distanza non pare – purtroppo – che questa prospettiva sia divenuta reale per l’intero continente.
Jacob Zuma

Fu Nelson Mandela a coniare, nel 1994, lo slogan del “Rinascimento africano”. A 16 anni di distanza, nel momento in cui il Sudafrica ospita i Campionati mondiali di calcio, non pare – purtroppo – che questa prospettiva sia divenuta reale per l’intero continente. Certo, oggi il Sudafrica è il Paese più sviluppato dell’Africa intera: produce il 33 per cento del Pil dell’area sub-sahariana ed è attualmente il 25° Paese al mondo in base al Pil. Tanto che si può dire che sia oggi una «economia in transizione», cioè collocata tra la categoria dei Paesi sviluppati e quella dei Paesi in via di sviluppo.

Tutto questo non può far dimenticare i problemi. Ad esempio, il fatto che vi sia ancora un accentuato dualismo economico: aree del Paese moderne e industrializzate convivono con zone arretrate e molto povere. L’apartheid è un brutto ricordo del passato, ma ancora oggi il principale problema che il Sudafrica deve affrontare è costituito dall’integrazione economica e sociale tra le varie componenti della popolazione: africana di colore (32 milioni), bianca (5,4), meticcia (3,6) e asiatica (uno). Dopo alcuni anni in cui il Sudafrica ha risentito della crisi mondiale, l’economia è tornata a crescere più del 4 per cento. Ma la disoccupazione rimane elevata e supera il 25 per cento.

 

Tuttavia il Sudafrica è un Paese in cui cresce la speranza nel futuro. Gli stessi Mondiali di calcio rappresentano il riconoscimento di una crescente importanza internazionale del Paese. Attualmente il Sudafrica è l’unico Stato africano a far parte del G20. Da tempo, inoltre, coltiva un intenso rapporto con India e Brasile, Paesi con i quali condivide l’aspirazione a far parte del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (una battaglia, a dire il vero, improntata a schemi del passato). Brasile, India e Sudafrica hanno dato vita a un nuovo gruppo informale, che si chiama, appunto, Ibsa (dalle iniziali dei tre Paesi). La “vetrina globale” del Mondiale può quindi dare ulteriore impulso a questo processo. Senza dimenticare, tuttavia, la grande lezione di Mandela: la vera rinascita africana non può limitarsi a un solo Paese.

Leggi anche

I più letti della settimana

I miei segreti

kung Küng

Hans Küng, l’arte del margine

Amore e delusione

Altri articoli

Con lo smartphone nei campi rom

In libreria

Gocce di Vangelo 17 aprile 2021

La scelta di Caparezza

Ripartiamo. Ok. Ma come?

Amazon, un fenomeno da conoscere bene

Simple Share Buttons