Una rete mondiale per la pace

Carlos Palma, focolarino uruguayano, ha vissuto per 30 anni in Medio Oriente. Davanti al dilagare di una cultura della guerra e del rancore tra religioni, popoli e culture, dove le nuove generazioni sono spesso le prime vittime di questa dolorosa situazione, è nato in lui il desiderio di impegnarsi più attivamente per la pace. Ci racconta la nascita e lo sviluppo di un progetto oggi diffuso in molte nazioni, che coinvolge migliaia di ragazzi e decine di associazioni: Living Peace.

Scarica l’articolo in pdf /

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Per visualizzarlo effettua il login

Non sei un utente abbonato?

I più letti della settimana

Vivere, connessi, per un Mondo Unito

Chiara Lubich e Simone Weil

Ma quanto siamo fragili!

Curdi senza protettori

Simple Share Buttons