Quelle croci senza nome, quei cuori in pace

La vicenda di profonda umanità di due reduci della guerra delle Faklands/Malvinas, un argentino e un inglese, che hanno ridato pace ai familiari dei caduti non identificati. Un potente messaggio alle nuove generazioni
Malvinas
Julio Aro e Geoffrey Cardozo in viaggio. Foto concessa dalla fondazione No me olvides.

«Camminavo tra le croci bianche e non lo trovavo. Cercavo e ricercavo il suo nome tra quelle lapidi grigie. Gridai nella terribile solitudine del cimitero di Darwin: “Figlio mio, dove sei?”. Attendevo un segno, ma non ho avuto risposta. Così…

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Per visualizzarlo effettua il login

Non sei un utente abbonato?

I più letti della settimana

Perché i focolarini non votano

Diario di un viaggio in Congo

Edicola Digitale Città Nuova - Reader Scarica l'app
Simple Share Buttons