Quando sei nato non puoi più nasconderti

Dopo le precedenti pellicole su fatti e periodi della storia italiana, Giordana ha desiderato occuparsi di una realtà attuale, quella dell’immigrazione clandestina. La sceneggiatura, tratta dal romanzo-inchiesta omonimo di Maria Pace, narra le vicende di un ragazzo, che prova interesse per i lavoratori di colore della sua città, cade in mare da una imbarcazione del padre, ricco industriale, viene salvato da dei clandestini, che stanno arrivando su un mezzo di fortuna, e stringe amicizia con due di loro, suoi coetanei. Ma il film racconta anche la sua crescita adolescenziale e il suo aprirsi ai problemi dei bisognosi, offrendo un mirabile esempio di sensibilità altruistica. Ci introduce ad un mondo di difficoltà e solitudini, alle quali allude anche l’insolito titolo, traduzione del nome di un immigrato africano. E mostra, pure, come la consi stente presenza degli extracomunitari interferisca con le nostre vite. Siamo a Brescia, la prima città multi-etnica, come afferma Giordana, che è insieme generosa e piccina, solidale e borghese, ambivalente nei rapporti familiari e sociali. Tuttavia essa è osservata dallo sguardo semplice di un bambino, capace di trascurare le certezze dei luoghi comuni e di salvarla con il candore di chi considera possibile il cambiamento. Ci troviamo di fronte alla scelta del regista di puntare alla complessità dei comportamenti, avvincente e stimolante, anziché ad una semplificazione manichea da slogan politici. Ed egli, appunto, rivendica al cinema la capacità di evitare le forzature dell’informazione, che propinano contrapposizioni tra buoni e cattivi, e sceglie di non mostrare né razzismo, né ipocrisia caritatevole. Il film ha una sua eleganza formale e poggia su buone interpretazioni, in particolare su quella assai indovinata dell’adolescente. Il contenuto, doloroso e spiazzante, non è tragico e il finale arriva ad impegnare lo spettatore. Nella convinzione che alla legge scritta, che prevede di respingere gli irregolari, il cuore preferisce la legge del mare, che sprona a soccorrere chi è nel pericolo, l’ultima scena, con i due giovanissimi seduti sul marciapiede e quasi taciturni, rimanda all’interiorità: in essa arrendersi all’amarezza della reale condizione di tanti oppure volgersi con coraggio alla ricerca delle soluzioni. Regia di Marco Tullio Giordana; con Matteo Gadola, Vlad Alexander Toma, Esther Hazan, Alessio Boni, Michela Cescon. Raffaele Demaria

Leggi anche

I più letti della settimana

Amore e delusione

crisi

Attraversare la crisi

Scopri Città Nuova di Aprile!

kung Küng

Hans Küng, l’arte del margine

Altri articoli

Dopo Filippo, la fine di un’epoca?

Gocce di Vangelo 12 aprile 2021

Giordania, il re rassicura

La magia dei grandi balletti

Simple Share Buttons