Quale educazione sessuale a 4 anni?

Una controversa (e traumatica) iniziativa dell’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) invita gli stati del mondo ad imporre un modello unico di formazione dei bambini. La petizione di CitizenGO per il ritiro del documento
Chan

La fondazione spagnola CitizenGO «è nata dall’esperienza e dall’amicizia di un gruppo di persone desiderose di lavorare al servizio della società, per promuovere il rispetto in tutti i contesti della dignità umana e dei diritti che scaturiscono da essa».

Tale fondazione partendo da «una visione cristiana dell’essere umano e della società» offre a tutti cittadini la possibilità di contribuire al miglioramento della società attraverso petizioni veicolate da internet: ciò consente «nuove forme di partecipazione dei cittadini affinché la politica e le istituzioni siano davvero orientate al servizio della società”. Le nuove tecnologie e il web rappresentano strumenti particolarmente efficaci per ottenere questo obiettivo».

Nella homepage di CitizenGo possono essere firmate varie petizioni. Segnaliamo in particolare quella per il ritiro del documento dell’Organizzazione Mondiale della Sanità su Standards for sexuality education in Europe (Standard per l’educazione sessuale in Europa). Tale documento può essere scaricato cliccando sul titolo.

La petizione di CitizenGO afferma che tale documento «intende orientare e dirigere l’insegnamento dell’educazione sessuale per i bambini dai 4 anni. Il testo risulta inadatto e pericoloso per varie ragioni: innanzitutto incoraggia l'introduzione di comportamenti sessuali moralmente discutibili a partire dalla primissima infanzia (ad esempio, propone la masturbazione infantile, la scoperta del corpo proprio e altrui tramite il "gioco del dottore" a 4 anni, l'esplorazione di “relazioni tra individui dello stesso sesso" prima dei 6 anni). In secondo luogo, il documento è interamente orientato alla promozione e propaganda dell’ideologia gender, secondo una scelta che non ha nulla di scientifico, ma che risponde a evidenti esigenze ideologiche. Da ultimo, il testo è orientato a una concezione semplicistica e materialistica della vita sessuale, subordinando l'esperienza affettiva e relazionale alle nozioni meramente biologiche e anatomiche apprese nella prima infanzia e trascurando la problematicità etica tipica della sfera sessuale come di ogni agire umano. Per queste ragioni, chiediamo alla dottoressa Margaret Chan, direttore dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, di ritirare immediatamente il documento in questione».

Per aderire all’iniziativa cliccare qui: viene richiesto di scrivere cognome, nome, indirizzo email e codice di avviamento postale e successivamente cliccare su Firma.

I più letti della settimana

A proposito di Suicidio Assistito

Mi prendo cura

Leadership al femminile

Strappare lungo i bordi

Esercizi di… ascolto

Simple Share Buttons