Poste in ritardo con la consegna di Città Nuova?

Siamo nel periodo “caldo” del rinnovo degli abbonamenti e piovono a Città Nuova le segnalazioni di mancata consegna o di arrivo in ritardo. Proponiamo un’azione di  monitoraggio per i lettori in collaborazione con Poste italiane. Ecco come fare

Due minuti di tempo. Ci bastano. Grazie al tuo aiuto, vorremmo provare a risolvere questo annoso problema.

Controlla qui sulla tabella la data di consegna alle poste delle riviste a cui sei abbonato. Se sono già trascorsi 8 giorni e non hai ancora ricevuto le riviste clicca qui.

Ci teniamo alla consegna puntuale delle nostre riviste. Vorremmo davvero che arrivassero in tempo agli abbonati a cui pensiamo quando affrontiamo un tema scottante, quanto raccontiamo una storia emozionante, quando diamo resoconto di un’iniziativa di solidarietà che ha segnato un’occasione di crescita per un territorio, per una città.

Tanto lavoro per niente? Qualche volta anche noi, nonostante la buona volontà di scovare il positivo, dobbiamo prendere atto che sembra impossibile riuscire a trovare il bandolo della matassa. «Da mesi non ricevo le riviste a cui sono abbonato. Ne ho parlato con il postino, ho fatto reclamo online, ma per ora non ho avuto riscontro», «Abbiamo fatto una mail di protesta alle poste sull’apposito sito. Oggi sono arrivati finalmente gli arretrati!», ci scrivono dal Friuli Venezia Giulia.

Siamo nel periodo “caldo” del rinnovo degli abbonamenti e piovono a Città Nuova le segnalazioni di mancata consegna o di consegna in ritardo. Non mancano, però, quasi specularmente, le proposte di soluzione temporanea: «Consiglio ai lettori l’utilizzo delle riviste digitali in attesa che arrivi il cartaceo anche se, purtroppo, non sempre è possibile», suggerisce un abbonato dal Centro Italia.

E ancora dal Centro: «Volevo segnalarvi che non ho ricevuto Città Nuova con inserto Scuola cui ero particolarmente interessata. Non ricevo da mesi il Vangelo del giorno e neanche BIG. Ho parlato con la postina e fatto due segnalazioni all’Ufficio Postale competente. Ciò nonostante, sia io che la mia collega, abbiamo rinnovato gli abbonamenti perché ci teniamo!».

Che fare? Abbiamo contattato con speranza e fiducia rinnovata il dirigente di Poste che segue Città Nuova e abbiamo avuto assicurazione che interverrà con prontezza purché in possesso di dati precisi che consentano un monitoraggio efficace.

Ci siamo subito attivati e abbiamo approntato un sistema di raccolta dei dati.

Bastano due minuti per compilare un semplice questionario in cui verrà inserita la data di consegna da parte di Città Nuova a Poste Italiane dell’ultimo numero di ogni rivista, data che permetterà di verificare se sono trascorsi 7 giorni dall’invio.

Dall’ ottavo giorno in poi di mancata consegna invitiamo caldamente i nostri abbonati a segnalare il disservizio. Chiediamo anche di indicare la consegna in ritardo oppure la rivista danneggiata insieme ai propri dati, indispensabili per poter procedere al monitoraggio in modo credibile e attendibile.

Per la richiesta di numeri arretrati che non fossero stati consegnati, chiediamo la cortesia di contattare direttamente il nostri uffici di cui indichiamo di seguito indirizzi e telefono.

I risultati delle vostre segnalazioni verranno inviati ogni mese a Poste Italiane. Iniziamo quindi dal mese di dicembre a monitorare insieme per proseguire almeno per i prossimi sei mesi.

Nel caso conosciate persone non in grado di utilizzare il web, vi pregheremmo di segnalarlo all’ufficio abbonamenti abbonamenti@cittanuova.it – tel. 06.96522201 – oppure via posta a Città Nuova via Pieve Torina 55 – 00156 Roma.

Restate con noi: insieme ce la faremo! 

 

 

Leggi anche

I più letti della settimana

Altri articoli

Simple Share Buttons