Poesie

Due contributi originali di un giovane poeta dei nostri giorni.
Notte

L’occhio della notte

 

Il tuo sguardo è immenso,
avvolge l’infinito,
il tuo oscuro
vive oltre la luce.

 

Al tuo sopravvenire
tutto acquista un’altra dimensione.
Imparo a osservarti,
a guardare con i tuoi occhi…

 

Nulla scompare, ci sei Tu!
Il tuo velare non annienta,
conserva,
dona un altro ritmo.

 

Sei una dolce compagnia,
sei severo vegliardo,
di tempi e stagioni,
sei custode di stelle.
 

 

Il giorno e la notte

 

Un’eco di suoni e luci,

uccelli sentinelle dell’alba,

cinguettii frequenti,

ridestarsi dalla quiete notturna.

 

Nell’apparire silenzio e luce,

l’orizzonte si definisce,

giunge la fine

del regno dell’informe.

 

Imbrunire e rischiararsi nelle ore,

il tempo si lascia cullare in questo

ritmico respiro della vita.

 

Le mani s’intrecciano, si compenetrano,

il giorno vive nella notte, attende il suo venire,

la notte cede il suo distendersi al sole.

 

 

Leggi anche

Narrativa
Chiara Lubich

Chiara Lubich

I più letti della settimana

Amore e delusione

crisi

Attraversare la crisi

Scopri Città Nuova di Aprile!

La salute del corpo sociale

Altri articoli

Giordania, il re rassicura

Hans Küng, l’arte del margine

La magia dei grandi balletti

Gocce di Vangelo 10 aprile 2021

Simple Share Buttons