Pier Paolo Pasolini: intellettuale scomodo

L’attualità, la religiosità anticonvenzionale e l’omosessualità del “poeta maledetto”, a testa alta tra polemiche e condanne.

La mattina del 2 novembre 1975, Anno Santo, un vescovo ausiliare di Roma – Clemente Riva, religioso rosminiano – durante la Messa pregò per l’anima di Pier Paolo Pasolini. La notizia della sua morte violenta, avvenuta la notte precedente all’Idroscalo…

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Per visualizzarlo effettua il login

Non sei un utente abbonato?

I più letti della settimana

Essere Gen per sempre

Chiara Lubich e Simone Weil

L’amore mantiene giovani

Simple Share Buttons