Il piacere di saper perdere

La sensibilità che ci permette di essere attenti alle necessità del nostro prossimo, una catena di solidarietà disinteressata
saper perdere
Foto Pexels

Sono andato a revisionare un computer di una coppia di anziani pensionati. La signora, insegnante, dà lezioni di ripetizione. Prima di ingaggiarmi, mi ha chiesto un preventivo e si è presa qualche giorno per confermare che il lavoro sarebbe stato fatto. Una volta lì, mi sono reso conto che vivevano con un budget abbastanza limitato e avevano bisogno del pc per insegnare. Così ho deciso di far pagare loro la metà di quanto avrei dovuto. Erano molto contenti e riconoscenti.

Il giorno successivo sono andato a consegnare un prodotto a un cliente per il quale ho prestato servizio in passato e che si trova a una certa distanza da casa mia. Questa persona aveva già pagato il prodotto e la consegna, ma quando l’ho salutata mi ha dato con molta gratitudine i soldi per il carburante e per il tempo che avevo impiegato per installare il nuovo prodotto. Era quasi l’altra metà che non avevo fatto pagare alla coppia di pensionati a cui avevo prestato servizio il giorno prima!

Juan Carlos Peña

 

Questo articolo è stato pubblicato originariamente in spagnolo nel numero di maggio della rivista Ciudad Nueva Cono Sur. Sito web: https://revistaciudadnueva.online/.

__

Sostieni l’informazione libera di Città Nuova! Come? Scopri le nostre rivistei corsi di formazione agile e i nostri progetti. Insieme possiamo fare la differenza! Per informazioni: rete@cittanuova.it
_

I più letti della settimana

Mediterraneo di fraternità

La forte fede degli atei

Edicola Digitale Città Nuova - Reader Scarica l'app
Simple Share Buttons