“Perder tempo”

Mia figlia Laura ha sei anni ed è una bambina deliziosa: le piace stare con gli altri e gioca volentieri con i bambini. A volte però, mi sembra che perda tempo perché se ne sta da sola a girare per la casa o nella cameretta senza un motivo particolare. Mi chiedo il perché di questo suo comportamento . A.C. – Milano Laura è una bambina perf e t t a m e n t e normale che ha trovato modo di perder tempo standosene un po’ da sola a pensare alle sue cose. Per fortuna che questo succede! Infatti, stare soli è salutare e indice di benessere. Il perder tempo può essere riposo. È diseducativo soltanto se diventa un’abitudine distaccata e lontana dai normali doveri quotidiani dei figli. Se guardiamo dentro il nostro animo, riconosciamo infatti due spinte diverse, entrambe importanti: una a stare da soli, l’altra a stare con gli altri. Quest’ultima è fondamentale perché aiuta non solo a scoprire le proprie capacità, ma anche ad aprirsi alla comunità, creando le premesse per una società civile e altruista. D’altro canto, molte volte vorremmo fermarci a riflettere, chiudendo le imposte dell’anima per ritrovare noi stessi. Questo perché il bisogno di solitudine contiene una profonda verità: l’uomo è anche un essere individuale. Dunque, è importante rispettare il desiderio di stare soli anche dei bambini, soprattutto se piccoli. Anzi, nell’epoca di Internet, della televisione, del cinema, dei videogames ecc., essi vanno aiutati a coltivare degli spazi di introspezione e dei momenti di solitudine. Spesso, le insegnanti a scuola lamentano il fatto che gli alunni sono ipercinetici, disattenti e sempre in movimento, non in grado di rispettare i tempi di ascolto reciproco. Ora, tale capacità si apprende gradualmente, mediante l’ascolto di sé stessi, delle proprie emozioni e dei propri sentimenti, premessa per imparare a conoscere e accogliere i bisogni degli altri. Oggigiorno abbiamo l’impressione che per diventare qualcuno occorra essere efficienti e saper fare sempre più cose. Così molti bambini ancora molto piccoli, soprattutto nelle grandi città, hanno la loro giornata strutturata fin nei minimi particolari. E tutto si svolge di corsa perché il tempo non è mai abbastanza: risveglio, prepararsi, scuola, ritorno, pranzo, tv, compiti, piscina, palestra, cena, tv. Perfino le feste di compleanno sono tutte organizzate e se per caso un bambino se ne sta solo in un angolo a bere Coca-cola e mangiare patatine senza partecipare al gioco previsto, è subito considerato asociale o depresso. Con questo non voglio dire che non esistano bambini affetti da disturbi legati alla depressione infantile, ma essa è caratterizzata da una certa fatica del vivere, da grosse difficoltà di concentrazione e da tutta una serie di sintomi ben diversi dal sano perder tempo da soli di sua figlia che, invece, come ho sottolineato, è cosa utile. Quindi, per concludere, se Laura impara a cogliere i momenti di tranquillità e di solitudine, alternandoli a quelli di gioco e di compagnia, potrà sviluppare al meglio la sua personalità. Tra l’altro, per chi crede, stare con sé stessi e per così dire perdere tempo è occasione di incontrare Colui che dà senso alla vita e al tempo. E anche i bambini lo sanno riconoscere!

Leggi anche

I più letti della settimana

I miei segreti

Amazon, un fenomeno da conoscere bene

kung Küng

Hans Küng, l’arte del margine

Altri articoli

Con lo smartphone nei campi rom

In libreria

Gocce di Vangelo 17 aprile 2021

La scelta di Caparezza

Ripartiamo. Ok. Ma come?

Corridoi umanitari: una via sicura

Simple Share Buttons