Per una forma di esistenza mancata: l’inibizione fissata

Nella scuola della Daseinsanalyse si afferma che l'essenza dell'uomo è contraddistinta dalla direzione e dall'orientamento di due sensi esistenziali: l'orizzontalità e la verticalità. Due schemi spaziali che costituiscono, nella loro relazione, una proporzione; ed è proprio la risultante di questa relazione che l'antropologo cerca di comprendere in sede fenomenologica. La proporzione può essere «armonica» - è l'esistenza riuscita -, oppure «disarmonica» è l'esistenza mancata -. Nella verticalità, possiamo individuare una forma di esistenza mancata «a carattere discendente», l'inibizione fissata: un irrigidimento discensionale, in cui il soggetto si smarrisce in un paesaggio interiore «notturno» e come pietrificato.

Leggi anche

Felicemente
Come essere autentici

Come essere autentici

di

I più letti della settimana

Amore e delusione

crisi

Attraversare la crisi

Scopri Città Nuova di Aprile!

La salute del corpo sociale

Altri articoli

Giordania, il re rassicura

Hans Küng, l’arte del margine

La magia dei grandi balletti

Gocce di Vangelo 10 aprile 2021

Simple Share Buttons