Papa Francesco e i “musulmani nostri fratelli e sorelle”

 
Pope Francis hugs Sheikh Ahmed el-Tayeb, the grand imam of Egypt's Al-Azhar, after an Interreligious meeting at the Founder's Memorial in Abu Dhabi, United Arab Emirates, Monday, Feb. 4, 2019. Pope Francis has asserted in the first-ever papal visit to the Arabian Peninsula that religious leaders have a duty to reject all war and commit themselves to dialogue. (AP Photo/Andrew Medichini)

Fin dall’inizio del suo pontificato nel 2013, papa Francesco ha mostrato un chiaro impegno a trovare una via alternativa alla tanto pubblicizzata categoria di “scontro
di civiltà”, che, negli ultimi decenni, ha rappresentato il paradigma di riferimento nelle relazioni…

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Per visualizzarlo effettua il login

Non sei un utente abbonato?

I più letti della settimana

Eichmann

Eichmann e la banalità del male

Simple Share Buttons