Online o onlife?

La rivoluzione digitale e l’avvento dei social media hanno cambiato il ritmo delle nostre giornate e il nostro stile di comunicare, ma incidono anche sul nostro stesso modo d’essere. Pur fra innegabili vantaggi, rischiamo di essere condizionati, influenzati e manipolati più di quanto pensiamo. Se ciò vale per tutti, va preso in considerazione in particolare il mondo degli adolescenti e giovani. L’articolo è un invito a “svegliarsi” e riguadagnare libertà nei confronti dell’intrattenimento globale che rischia di imprigionarci. L’autore è scrittore e regista di film per il cinema e la televisione e ha affrontato questi temi anche in alcuni suoi libri1.

Scarica l’articolo in pdf /

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Per visualizzarlo effettua il login

Non sei un utente abbonato?

I più letti della settimana

Ispirata o manipolatrice?

Il riposo secondo Francesco

zan

Ddl Zan e il reato di opinione

Dentro la domanda di eutanasia

Simple Share Buttons