“Non chiamate impuro ciò che io ho reso puro”

La Comunità cattolica Shalom nasce nel 1982 a Fortaleza in Brasile. Con una diversità di forme di vita, i membri si riconoscono nella comune chiamata a essere discepoli e ministri della pace, in un cammino di contemplazione, unità ed evangelizzazione. Fedele alla propria origine tra i giovani, Shalom dedica speciale attenzione all’accoglienza e all’apostolato della gioventù. Ma come portare avanti tale vocazione in tempi come quelli attuali, in cui è difficile riunirsi nei gruppi di preghiera e nei centri di evangelizzazione? L’apparente ostacolo si è trasformato nella scoperta di forme nuove. Ce ne parla l’Assistente alla comunicazione di Shalom, padre Franco Galdino.

Scarica l’articolo in pdf /

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Per visualizzarlo effettua il login

Non sei un utente abbonato?

I più letti della settimana

Se EDB chiude…

Vasco

Pensiero debolissimo, anzi no

Pandora

La pattumiera di Pandora

La vita, la follia, la speranza

Gocce di Vangelo 21 ottobre 2021

Perdite, separazioni e lutti

Simple Share Buttons