“Non chiamate impuro ciò che io ho reso puro”

La Comunità cattolica Shalom nasce nel 1982 a Fortaleza in Brasile. Con una diversità di forme di vita, i membri si riconoscono nella comune chiamata a essere discepoli e ministri della pace, in un cammino di contemplazione, unità ed evangelizzazione. Fedele alla propria origine tra i giovani, Shalom dedica speciale attenzione all’accoglienza e all’apostolato della gioventù. Ma come portare avanti tale vocazione in tempi come quelli attuali, in cui è difficile riunirsi nei gruppi di preghiera e nei centri di evangelizzazione? L’apparente ostacolo si è trasformato nella scoperta di forme nuove. Ce ne parla l’Assistente alla comunicazione di Shalom, padre Franco Galdino.

Scarica l’articolo in pdf /

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Per visualizzarlo effettua il login

Non sei un utente abbonato?

I più letti della settimana

Ispirata o manipolatrice?

Il riposo secondo Francesco

zan

Ddl Zan e il reato di opinione

Dentro la domanda di eutanasia

Simple Share Buttons