Next to normal

Il musical che ha vinto tre Tony Awards e il prestigioso Premio Pulitzer per la drammaturgia, torna a raccontare l’universo piccolo borghese di una tipica famiglia americana: i Goodman

La famiglia. La casa. I genitori. I figli. Lo scontro tra generazioni. La malattia mentale. Il musical che ha vinto tre Tony Awards e il prestigioso Premio Pulitzer per la drammaturgia, torna a raccontare l’universo piccolo borghese di una tipica famiglia americana: i Goodman. L’apparente normalità che regola le relazioni all’interno delle mura domestiche è messa in crisi dalla malattia mentale della madre, affetta da bipolarismo. I protagonisti di questa storia dovranno fare i conti con le conseguenze che questo disturbo psicotico ha sulle vite di ciascuno di loro. La colonna sonora è decisamente rock (libretto e liriche di Brian Yorkey, magistralmente tradotte da Andrea Ascari), il testo è ricco di suspense e colpi di scena, il cast è più che giusto: Francesca Taverni (la madre), Antonello Angelillo (il padre) e poi i giovanissimi Laura Adriani e Luca Ferrarini, nel ruolo dei figli adolescenti. La regia coraggiosa e incisiva di Marco Iacomelli è la chiave di volta che risolve il tema fondamentale dell’impianto drammaturgico: i danni del troppo amore.

Progetto della STM in collaborazione con La Compagnia della Rancia, 9-19/10, Teatro della Luna, Milano

I più letti della settimana

Casamicciola

Casamicciola: si poteva evitare

lutti

Lutti complicati

Simple Share Buttons