Mystic River

Sean, Jimmy e Dave erano bambini quando uno di loro, Dave, venne rapito da due pedofili davanti agli occhi degli amici. Dopo quattro giorni riuscì a fuggire, ma quell’episodio segnò per sempre la sua vita e quella dei suoi amici. Molti anni dopo i tre si ritrovano di nuovo, anche questa volta per un evento tragico: l’assassinio della primogenita di Sean. Jimmy è uno dei poliziotti incaricati delle indagini, Sean, tramite le sue amicizie nella malavita locale, inizia anche lui indagini parallele, mentre Dave dopo poco è uno dei principali sospettati. Giustizia, vendetta, colpa: ognuno dei tre personaggi sarà chiamato a confrontarsi con il proprio destino che li vedrà vittime e colpevoli allo stesso tempo. Clint Eastwood firma con Mystic River uno dei suoi migliori film, teso, asciutto, spietato. Un racconto morale che riprende, raffinandoli, i suoi classici temi: l’ineluttabilità del destino, l’impossibile mediazione tra la ricerca della giustizia e il desiderio di vendetta, l’inadeguatezza della prima ad assicurare la giusta punizione ai colpevoli e del secondo a garantire un qualsiasi riscatto morale. Mai come in questo film i canoni della poetica di Eastwood vengono denudati e mostrati in tutta la loro crudezza, non più attenuati come in passato dalle semplificazioni del genere o dalla spettacolarità dell’azione. Il regista americano tira i fili della narrazione con sapienza e una maestria che è qualcosa in più del semplice mestiere. Dirige ottimamente un magnifico cast, sfrutta al meglio la sceneggiatura che, pur con qualche leggera sbavatura e lievi cadute di tono, funziona alla perfezione e compone persino la colonna sonora. Ormai Clint Eastwood può a buon diritto definirsi uno degli ultimi “vecchi” mostri sacri del cinema americano, capace a settant’anni suonati di stupire ancora con un cinema sempre nuovo. E questo è un dono che pochi grandi registi possono dire di avere. Regia di Clint Eastwood; con Kevin Bacon, Sean Penn, Tim Robbins, Laurence Fishburne.

Leggi anche

I più letti della settimana

Amore e delusione

crisi

Attraversare la crisi

kung Küng

Hans Küng, l’arte del margine

Scopri Città Nuova di Aprile!

Come essere autentici

Altri articoli

Gocce di Vangelo 13 aprile 2021

Dopo Filippo, la fine di un’epoca?

Gocce di Vangelo 12 aprile 2021

Giordania, il re rassicura

Simple Share Buttons