Scenari

Unicef: a Gaza ogni giorno uccisi o feriti 420 bambini

Il Direttore Generale dell'UNICEF Catherine Russell informa il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite sulla situazione umanitaria a Gaza: «Come UNICEF siamo fermamente convinti che il vero costo di quest'ultima escalation si misurerà in vite di bambini – quelli persi a causa della violenza e quelli che ne saranno cambiati per sempre».

Smoke rises following an Israeli airstrike in the Gaza Strip, as seen from southern Israel, Tuesday, Oct. 31, 2023. (AP Photo/Ariel Schalit)
Palestinians mourn relatives killed in the Israeli bombardment of the Gaza Strip in Rafah, Monday, Oct 30, 2023. (AP Photo/Hatem Ali)
Palestinians leave their homes following Israeli bombardment on Gaza City, Monday, Oct. 30, 2023. (AP Photo/Abed Khaled)
A Palestinian boy stands amid the destruction after an Israeli strike in Rafah, Gaza Strip, Tuesday, Oct. 31, 2023. (AP Photo/Hatem Ali)
Palestinians look for survivors after an Israeli strike in Rafah, Gaza Strip, Tuesday, Oct. 31, 2023. (AP Photo/Hatem Ali)
Palestinians bury the members of the Hijazi family who were killed in an Israeli strike in Rafah, Gaza Strip, Tuesday, Oct. 31, 2023. (AP Photo/Hatem Ali)
Palestinians look for survivors after an Israeli strike in Rafah, Gaza Strip, Tuesday, Oct. 31, 2023. (AP Photo/Hatem Ali)

Il silenzio davanti alla tragedia in corso in Medio Oriente deve dar spazio e ascolto alle motizie dellUNICEF, cioè il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia

«Dopo poco più di tre settimane, il bilancio devastante si sta rapidamente aggravando, con gravi violazioni dilaganti commesse contro i bambini. Secondo il Ministero della Sanità palestinese, a Gaza sarebbero stati uccisi più di 8.300 palestinesi, tra cui più di 3.400 bambini, con oltre 6.300 bambini feriti. Ciò significa che più di 420 bambini vengono uccisi o feriti a Gaza ogni giorno – un numero che dovrebbe scuotere ognuno di noi nel profondo.

Chiaramente, la violenza perpetrata contro i bambini si estende oltre la Striscia di Gaza. In Cisgiordania, compresa Gerusalemme Est, secondo le notizie, sarebbero stati uccisi almeno 37 bambini. E, secondo le notizie, più di 30 bambini israeliani sarebbero stati uccisi, mentre almeno 20 rimangono in ostaggio nella Striscia di Gaza – il loro destino è sconosciuto.

Anche le infrastrutture civili sono state duramente attaccate. Secondo l’OMS a Gaza, sono stati segnalati 34 attacchi contro strutture sanitarie, tra cui 21 ospedali. 12 dei 35 ospedali di Gaza, utilizzati anche come rifugi per gli sfollati, non possono più essere operativi. 

Almeno 221 scuole e più di 177.000 unità abitative sono state danneggiate o distrutte.

Nel frattempo, la poca acqua pulita rimasta a Gaza si sta rapidamente esaurendo, lasciando più di 2 milioni di persone in grave difficoltà. Secondo le nostre stime, il 55% delle infrastrutture di approvvigionamento idrico necessita di riparazioni o riabilitazione. Solo un impianto di desalinizzazione è in funzione ad appena il 5% della capacità, mentre tutti e sei gli impianti di trattamento dei rifiuti idrici di Gaza non sono operativi per mancanza di carburante o di energia.

La mancanza di acqua pulita e di servizi igienici sicuri sta per diventare una catastrofe. Se non verrà ripristinato con urgenza l’accesso all’acqua potabile, un numero sempre maggiore di civili, compresi i bambini, si ammalerà o morirà per disidratazione o per malattie trasmesse dall’acqua.

Come se non bastasse, sia in Israele che nello Stato di Palestina i bambini subiscono traumi terribili, le cui conseguenze potrebbero durare tutta la vita.

Gli studi hanno dimostrato che la violenza e gli sconvolgimenti possono indurre nei bambini uno stress tossico che interferisce con lo sviluppo fisico e cognitivo e causa problemi di salute mentale sia a breve che a lungo termine.

Stiamo facendo del nostro meglio per raggiungere tutti i bambini che ne hanno bisogno, ma la consegna degli aiuti umanitari – soprattutto a Gaza – è ora estremamente difficile. Ciò è dovuto sia alle attuali condizioni di assedio imposte a Gaza, sia alle circostanze altamente pericolose in cui opera il nostro personale.

Alcuni membri del nostro staff hanno perso familiari stretti, tra cui coniugi e figli. E naturalmente siamo in lutto con l’UNRWA, per i membri del suo staff che sono stati uccisi.

Due giorni fa abbiamo perso i contatti con i nostri colleghi di Gaza quando le telecomunicazioni sono saltate. Questo li ha esposti a rischi ancora maggiori e ha reso il loro lavoro di assistenza ai bambini ancora più difficile da portare a termine.

L’UNICEF e i nostri partner sono impegnati a rimanere sul campo per aiutare i bambini. Ma non fraintendetemi, la situazione peggiora di ora in ora e, senza una fine immediata delle ostilità, temo profondamente per il destino dei bambini della regione.

Ma noi, e voi, abbiamo il potere di aiutare i bambini a uscire da questa spirale di violenza.

Imploro il Consiglio di Sicurezza di adottare immediatamente una risoluzione che ricordi alle parti i loro obblighi ai sensi del diritto internazionale, chieda un cessate il fuoco, chieda alle parti di consentire un accesso umanitario sicuro e senza ostacoli, chieda il rilascio immediato e sicuro di tutti i bambini rapiti e solleciti le parti a garantire ai bambini la protezione speciale a cui hanno diritto.

Il Consiglio di Sicurezza dovrebbe anche dare priorità all’aggravarsi della crisi degli sfollati, con oltre 1,4 milioni di persone a Gaza, la maggior parte delle quali sono bambini, attualmente sfollate.

Come ha detto il Segretario generale, l’ordine a 1,1 milioni di civili palestinesi di lasciare il nord di Gaza dovrebbe essere revocato. Anche le richieste di evacuazione degli ospedali dovrebbero cessare, dato il loro status protetto dal diritto internazionale umanitario.

Tutte le parti devono fermare la violenza e impedire qualsiasi grave violazione commessa contro i bambini.

Dobbiamo avere accesso umanitario a tutti i valichi della Striscia di Gaza, attraverso vie di rifornimento sicure ed efficienti. Le parti devono garantire la circolazione sicura e senza ostacoli degli aiuti umanitari e del personale in tutta la Striscia di Gaza per la fornitura di assistenza umanitaria, compresi – ma non solo – cibo, acqua, medicinali, carburante ed elettricità.

Infine, le misure che impediscono ad elettricità, cibo, acqua e carburante di entrare a Gaza da Israele devono essere immediatamente revocate, in modo che i civili possano avere accesso ai servizi di cui hanno bisogno per sopravvivere.

L’UNICEF è nato quasi 77 anni fa dalle ceneri della Seconda Guerra Mondiale.  Il nostro impegno per la nostra missione non ha mai vacillato: sosteniamo i diritti di ogni bambino.

A nome di tutti i bambini coinvolti in questo incubo, chiediamo al mondo di fare meglio. Che si tratti di giovani che partecipano a un festival musicale o di bambini che vivono la loro vita quotidiana a Gaza, tutti meritano la pace. I bambini non iniziano i conflitti e non hanno il potere di fermarli. Hanno bisogno che tutti noi mettiamo la loro sicurezza in primo piano e che immaginiamo un futuro in cui i bambini siano in salute, vivano in sicurezza e istruiti.  Nessun bambino merita di meno».

Guarda anche

Esteri
La Corea col fiato sospeso

La Corea col fiato sospeso

di
Scenari globali
Gaza, attesa per il cessate il fuoco

Gaza, attesa per il cessate il fuoco

A cura di

I più visti della settimana

Mondo
Palestina, bandiera vietata

Palestina, bandiera vietata

di
Scenari globali
Pace giusta e questione palestinese

Pace giusta e questione palestinese

di
America Meridionale
L’oro del Perù

L’oro del Perù

A cura di
Edicola Digitale Città Nuova - Reader Scarica l'app
Simple Share Buttons