Americhe

Usa 2024, vittoria di Trump nelle primarie repubblicane in Iowa

L’ex presidente Donald Trump si afferma decisamente nel primo appuntamento delle primarie repubblicane verso la sfida del 5 novembre contro Joe Biden

epa11081340 Former President Donald Trump speaks at the Iowa Events Center after winning the first-in-the-nation Iowa caucus in Des Moines, Iowa, USA, 15 January 2024. Trump won the state handily, defeating former South Carolina Governor Nikki Haley and Florida Governor Ron DeSantis. The Republican presidential race now moves to New Hampshire for that state's Republican primary on 23 January.  EPA/JIM LO SCALZO
epa11081342 Former President Donald Trump (R) speaks at the Iowa Events Center after winning the first-in-the-nation Iowa caucus in Des Moines, Iowa, USA, 15 January 2024. Trump won the state handily, defeating former South Carolina Governor Nikki Haley and Florida Governor Ron DeSantis. The Republican presidential race now moves to New Hampshire for that state's Republican primary on 23 January.  EPA/JIM LO SCALZO
epa11081347 Former President Donald Trump (R) celebrates at the Iowa Events Center after winning the first-in-the-nation Iowa caucus in Des Moines, Iowa, USA, 15 January 2024. Trump won the state handily, defeating former South Carolina Governor Nikki Haley and Florida Governor Ron DeSantis. The Republican presidential race now moves to New Hampshire for that state's Republican primary on 23 January.  EPA/JIM LO SCALZO
epa11081149 Supporters of former President Donald Trump wait for him to speak at the Iowa Events Center after Trump won the first-in-the-nation Iowa caucus in Des Moines, Iowa, USA, 15 January 2024. Trump won the state handily, defeating former South Carolina Governor Nikki Haley and Florida Governor Ron DeSantis. The Republican presidential race now moves to New Hampshire for that state's Republican primary on 23 January.  EPA/JIM LO SCALZO
Un momento del convegno di Nikki Haley in Iowa, 14 gennaio 2024.
ANSA/ SERENA DI RONZA
Un momento del convegno di Ryan Binkley in Iowa, 14 gennaio 2024.
ANSA/ SERENA DI RONZA
epa11078469 Voters listen as Florida Governor and Republican presidential candidate Ron DeSantis speaks during a campaign event at an event space in Ankeny, Iowa, USA, 14 January 2024. DeSantis, Former South Carolina Governor Nikki Haley, and former President Donald Trump are campaigning across Iowa on the last day before the state holds its first-in-the-nation caucus on 15 January 2024.  EPA/JUSTIN LANE

L’equilibrio geopolitico del pianeta è determinato in gran parte dal risultato delle elezioni presidenziali Usa del 5 novembre 2024.

Il massimo potere esercitato dalla Casa Bianca ha poco tempo per poter incidere considerando la brevità del mandato e le scadenze elettorali del Congresso che possono esprimere maggioranze ostili al governo presidenziale in base a motivazioni strettamente interne alle dinamiche del vasto stato federale.

Le cronache quotidiane d’oltre oceano mettono in evidenza che l’attuale presidente Joe Biden è in forte crisi di consenso anche all’interno del partito democratico, ma soprattutto. Secondo i sondaggi, l’anziano rappresentante della tradizione dem, perderebbe la competizione di novembre con uno dei qualsiasi candidati repubblicani attualmente in corsa nella procedure delle primarie iniziato nel gelo dello stato dello Iowa.

Come riporta l’agenzia Ansa «Donald Trump vince la prima tappa delle primarie repubblicane in Iowa a valanga, in meno di mezz’ora dall’apertura dei caucus, con poco più del 50% dei voti e un distacco record di circa 30 punti, oltre il doppio del primato di Bob Dole nel 1988.  Il tycoon ha sfondato in tutte le aree sociali, a partire dagli evangelici, con l’unica debolezza delle zone suburbane».

Il caucus è un metodo di elezione che si basa sulla modalità dell’assemblea di ci si riconosce in un partito. Come spiega Wikipedia «secondo alcune fonti il termine deriverebbe dalla parola in lingua algonchina che significa “consiglio”, cau´-cau-as´u, e venne probabilmente introdotta nel gergo politico statunitense dalla Tammany Hall di New York, una organizzazione collegata al partito democratico, che amava usare termini dei Nativi americani».

Donald Trump ha raggiuto il 50 per cento dei consensi contro l’italo americano Ron DeSantis e Nikky Haley, rispettivamente al 21,2 e al 19 per cento.

Il successo di Trump sembra, al momento, una certezza in campo repubblicano e potrebbe crescere sulle ali del consenso che l’ex presidente riesce ad attirare nonostante i numerosi processi penali in corso che potrebbero ostacolarne la corsa verso il ritorno al potere, con un’agenda che promette grandi novità sul piano dei rapporti internazionali.

Ma siamo solo all’inizio dell’anno 2024.

Foto Ansa

Sostieni l’informazione libera di Città Nuova! Come? Scopri le nostre rivistei corsi di formazione agile e i nostri progetti. Insieme possiamo fare la differenza! Per informazioni: rete@cittanuova.it

Guarda anche

Scenari globali
Gaza, attesa per il cessate il fuoco

Gaza, attesa per il cessate il fuoco

A cura di

I più visti della settimana

Scenari globali
Gaza, attesa per il cessate il fuoco

Gaza, attesa per il cessate il fuoco

A cura di
Mondo
Palestina, bandiera vietata

Palestina, bandiera vietata

di
Scenari
Afghanistan fuori dal cono d’ombra

Afghanistan fuori dal cono d’ombra

A cura di
Edicola Digitale Città Nuova - Reader Scarica l'app
Simple Share Buttons