Scenari globali

Ridurre le spese militari, appello di 50 Nobel

50 Nobel fanno appello alla logica per evitare una nuova guerra alimentata dalla corsa agli armamenti. Un segnale al mondo al termine del 2021

Newly trained female officers from the Afghan National Army sit in front seats as a new batch of officers attend their graduation ceremony at National Army's training center in Kabul, Afghanistan, Thursday, Sept. 23, 2010. (AP Photo/Gemunu Amarasinghe)
Afghan National Army recruits listen to the explanations of their instructor during a training session at the Kabul Military Training Center in Afghanistan, Sunday, July 19, 2009. (AP Photo/Emilio Morenatti)
Local girls look at U.N. workers unloading ballot kits from a U.N. helicopter in Ghumaipayan Mahnow village, some 410 kilometers (256 miles) northeast of Kabul, Afghanistan, Monday, Oct. 4, 2004. By air is the only way to deliver the electoral material in the inaccessible areas of the Badakhshan province. (AP Photo/Emilio Morenatti)
Afghan anti-al-Qaida fighters rest at a former al-Qaida base in the White Mountains near Tora Bora Wednesday Dec. 19, 2001, behind a string of ammunition found after the retreat of al-Qaida members from the area. (AP Photo/David Guttenfelder)
Soldiers take part in an exercise of the U.S. Army Global Response Force in Hohenfels, Germany,  Wednesday, Aug. 26, 2015. Around 5000 soldiers from 11 NATO nations participated in simultaneous multinational airborne operations across Germany, Bulgaria, Italy and Romania called
Paratroopers prepare for deployment onboard a US aircraft during the Swift Response 2017 international military exercise at Papa Airbase near Papa, 146 kms southwest of Budapest, Hungary, Tuesday, July 18, 2017. Swift Response is part of the Saber Guardian 2017 (SG17) multinational military exercise held annually in the Black Sea Region as part of the U.S. European Command Joint Exercise Program. The lead organizations for Saber Guardian 2017 are U.S. Army Europe and the Bulgarian Armed Forces. SG17 is co-hosted by the Bulgarian, Hungarian and Romanian land force components and it takes place in numerous locations across Bulgaria, Hungary and Romania in the summer of 2017. (Csaba Krizsan/MTI via AP)

Ecco il testo dell’appello lanciato da 50 premi Nobel per ridurre le spese militari

Qui il link alla petizione in inglese che si può sostenere con la propria firma

La spesa militare, a livello globale, è raddoppiata dal 2000 ad oggi, arrivando a sfiorare i duemila miliardi di dollari statunitensi all’anno. Inoltre, è in aumento in tutte le aree del mondo. I singoli governi sono sotto pressione e incrementano la spesa militare per stare al passo con gli altri Paesi. Il meccanismo della controreazione alimenta una corsa agli armamenti in crescita esponenziale, il che equivale a un colossale dispendio di risorse che potrebbero essere utilizzate a scopi migliori.

In passato, la corsa agli armamenti ha spesso condotto a un’unica conseguenza: lo scoppio di guerre sanguinose e devastanti. Noi vogliamo presentare una semplice proposta per l’umanità: che i governi di tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite si impegnino ad avviare trattative per una riduzione concordata della spesa militare del 2 per cento ogni anno, per cinque anni.

La nostra proposta si basa su una logica elementare:

  • Le nazioni nemiche ridurranno la spesa militare, e così facendo rafforzeranno la sicurezza dei rispettivi Paesi, pur conservando l’equilibrio delle forze e dei deterrenti.
  • L’accordo siglato servirà a contenere le ostilità, riducendo il rischio di futuri conflitti.
  • Enormi risorse verranno liberate e rese disponibili, il cosiddetto «dividendo della pace», pari a mille miliardi di dollari statunitensi entro il 2030.

La metà delle risorse sbloccate da questo accordo verrà convogliata in un fondo globale, sotto la vigilanza delle Nazioni Unite, per far fronte alle istanze più pressanti dell’umanità: pandemie, cambiamenti climatici e povertà estrema. L’altra metà resterà a disposizione dei singoli governi. Così facendo, tutti i Paesi potranno attingere a nuove e ingenti risorse, che in parte si potranno utilizzare per reindirizzare le notevoli capacità di ricerca dell’industria militare verso scopi pacifici nei settori di massima urgenza.

La storia dimostra che è possibile siglare accordi per limitare la proliferazione degli armamenti: grazie ai trattati Salt e Start, gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica hanno ridotto i loro arsenali nucleari del 90 percento dagli anni Ottanta ad oggi. I negoziati da noi proposti avranno una buona possibilità di successo, perché fondati su un ragionamento logico: ciascun attore sarà in grado di beneficiare dalla riduzione degli arsenali del nemico, e così pure l’intera umanità. In questo momento, il genere umano si ritrova ad affrontare pericoli e minacce che sarà possibile scongiurare solo tramite la collaborazione. Cerchiamo di collaborare tutti insieme, anziché combatterci.

 

  1. Hiroshi Amano (Nobel per la fisica)
  2. Peter Agre (Nobel per la chimica)
  3. David Baltimore (Nobel per la medicina)
  4. Barry C. Barish (Nobel per la fisica)
  5. Steven Chu (Nobel per la fisica)
  6. Robert F. Curl Jr. (Nobel per la chimica)
  7. Johann Deisenhofer (Nobel per la chimica)
  8. Jacques Dubochet (Nobel per la chimica)
  9. Gerhard Ertl (Nobel per la chimica)
  10. Joachim Frank (Nobel per la chimica)
  11. Sir Andre K. Geim (Nobel per la fisica)
  12. Sheldon L. Glashow (Nobel per la fisica)
  13. Carol Greider (Nobel per la medicina)
  14. Harald zur Hausen (Nobel per la medicina)
  15. Dudley R. Herschbach (Nobel per la chimica)
  16. Avram Hershko (Nobel per la chimica)
  17. Roald Hoffmann (Nobel per la chimica)
  18. Robert Huber (Nobel per la chimica)
  19. Louis J. Ignarro (Nobel per la medicina)
  20. Brian Josephson (Nobel per la fisica)
  21. Takaaki Kajita (Nobel per la fisica)
  22. Tawakkol Karman (Nobel per la pace)
  23. Brian K. Kobilka (Nobel per la chimica)
  24. Roger D. Kornberg (Nobel per la chimica)
  25. Yuan T. Lee (Nobel per la chimica)
  26. John C. Mather (Nobel per la fisica)
  27. Eric S. Maskin (Nobel per l’economia)
  28. May-Britt Moser (Nobel per la medicina)
  29. Edvard I. Moser (Nobel per la medicina)
  30. Erwin Neher (Nobel per la medicina)
  31. Sir Paul Nurse (Nobel per la medicina e presidente emerito della Royal Society)
  32. Giorgio Parisi (Nobel per la fisica)
  33. Jim Peebles (Nobel per la fisica)
  34. Sir Roger Penrose (Nobel per la fisica)
  35. Edmund S. Phelps (Nobel per l’economia)
  36. John C. Polanyi (Nobel per la chimica)
  37. H. David Politzer (Nobel per la fisica)
  38. Sir Venki Ramakrishnan (Nobel per la chimica e presidente emerito della Royal Society)
  39. Sir Peter Ratcliffe (Nobel per la medicina)
  40. Sir Richard J. Roberts (Nobel per la medicina)
  41. Michael Rosbash (Nobel per la medicina)
  42. Carlo Rubbia (Nobel per la fisica)
  43. Randy W. Schekman (Nobel per la medicina)
  44. Gregg Semenza (Nobel per la medicina)
  45. Robert J. Shiller (Nobel per l’economia)
  46. Stephen Smale (Medaglia Fields per la matematica)
  47. Sir Fraser Stoddart (Nobel per la chimica)
  48. Horst L. Störmer (Nobel per la fisica)
  49. Thomas C. Südhof (Nobel per la medicina)
  50. Jack W. Szostak (Nobel per la medicina)
  51. Olga Tokarczuk (Nobel per la letteratura)
  52. Srinivasa S. R. Varadhan (Premio Abel per la matematica)
  53. Sir John E. Walker (Nobel per la chimica)
  54. Torsten Wiesel (Nobel per la medicina)
  55. Roberto Antonelli (Presidente dell’Accademia Nazionale dei Lincei)
  56. Patrick Flandrin (Presidente dell’Académie des Sciences, Francia)
  57. Mohamed H.A. Hassan (Presidente della World Academy of Sciences)
  58. Annibale Mottana (Presidente dell’Accademia Nazionale dei Lincei)
  59. Anton Zeilinger (Presidente dell’Academy of Sciences, Austria)
  60. Carlo Rovelli and Matteo Smerlak, organizzatori.

FOTO AP

Guarda anche

Scenari
Stati Uniti, Fbi a casa di Trump

Stati Uniti, Fbi a casa di Trump

A cura di
Scenari
Alta tensione tra Cina e Stati Uniti

Alta tensione tra Cina e Stati Uniti

A cura di

I più visti della settimana

Scenari
Stati Uniti, Fbi a casa di Trump

Stati Uniti, Fbi a casa di Trump

A cura di
Scenari
Alta tensione tra Cina e Stati Uniti

Alta tensione tra Cina e Stati Uniti

A cura di
Simple Share Buttons