Miracolo a Le Havre

Un film poetico, equilibrato e rasserenante.
Miracolo a Le Havre

Un sessantenne, che conduce una vita povera, ma serena, incontra un ragazzino clandestino ricercato e lo accoglie, mentre la moglie è all’ospedale per una malattia incurabile. Movimenti lenti, inquadrature fisse, in un quieto paesaggio nordico con una luce malinconica. Le difficoltà sono stemperate da un’ironia matura. Lo stile asciutto del regista finlandese, Aki Kaurismaki, dà risalto ai sentimenti buoni, opposti alla violenza. Quanto questi riescono a ottenere risplende, nella nostra storia, come un miracolo sui pregiudizi diffusi, sottolineato dall’esito curativo imprevisto e dalla gioiosa immagine del ciliegio in fiore. Un film poetico, equilibrato e rasserenante.

 

Regia di Aki Kaurismaki; con André Wilms, Kati Outinen, Jean-Pierre Darroussin, Blondin Miguel.

 

Valutazione della commissione nazionale film: consigliabile, problematico (prev.).

I più letti della settimana

Se EDB chiude…

Perdite, separazioni e lutti

Pandora

La pattumiera di Pandora

La vita, la follia, la speranza

Gocce di Vangelo 21 ottobre 2021

Simple Share Buttons