Manuale d’amore 2( capitoli successivi)

Se il primo Manuale d’amore poteva contare quanto meno sull’intuizione filologica di riproporre lo schema del film a episodi in voga nella commedia all’italiana degli anni Sessanta, e con essa il tentativo, in parte riuscito, di rinverdire un genere ormai degenerato dalle incursioni natalizie di Vanzina & c., questo secondo capitolo mostra invece tutti i limiti di un’operazione superficiale, stanca e ripetitiva. Il film è diviso in quattro episodi che, almeno nelle intenzioni degli autori, dovrebbero indagare le relazioni amorose con un occhio all’attualità (fecondazione assistita, matrimoni omosessuali) e uno alla tradizione (eros e tradimenti). Il risultato è fiacco, scontato, a tratti imbarazzante (come per il primo episodio con Scamarcio e la Bellucci) o già visto (come l’ultimo, protagonisti Verdone e la Pataky). Poco, veramente poco da segnalare, se non il secondo episodio, forse il meno peggio di tutti, con Fabio Volo e Barbara Bobulova alle prese con i problemi della fecondazione assistita, e la buona prova di Sergio Rubini e Antonio Albanese, coppia gay pugliese intenzionata a sposarsi in Spagna, penalizzati però da una storia senza capo né coda. Colpa soprattutto di una sceneggiatura banale e inconsistente, capace di costringere un cast di tutto rispetto in asfittici personaggi senza spessore, e di una regia inconcludente che brilla per assenza e disimpegno. I temi, anche importanti e complessi, sono trattati in modo superficiale e approssimativo, si ride poco e la narrazione procede balbettante e frammentata. Scommettiamo, comunque, sul successo del film, se non altro per l’imponente marketing, la titanica distribuzione (750 sale) e il cast stellare che richiamerà al cinema un pubblico trasversale, per età ed estrazione, che però sinceramente meriterebbe molto di più. Regia di Giovanni Veronesi; con Monica Bellucci, Riccardo Scamarcio, Fabio Volo, Barbara Bobulova, Sergio Rubini, Antonio Albanese, Carlo Verdone, Elsa Pataky, Claudio Bisio

Leggi anche

I più letti della settimana

I miei segreti

kung Küng

Hans Küng, l’arte del margine

Amore e delusione

Altri articoli

Con lo smartphone nei campi rom

In libreria

Gocce di Vangelo 17 aprile 2021

La scelta di Caparezza

Ripartiamo. Ok. Ma come?

Amazon, un fenomeno da conoscere bene

Simple Share Buttons