L’uomo-persona e la morte come dono.

Riflessioni di un medico
Le nuove frontiere della scienza aprono spazi di manipolazione dell’organismo umano sempre nuovi; pur puntando al suo “benessere”, rischiano di reificare l’essere umano, riducendolo all’insieme di tanti piccoli settori e perdendone di vista l’unità, la sua essenza e dignità. Ma…
Questo contenuto è riservato agli utenti registrati

Per visualizzarlo effettua il login

I più letti della settimana

Dialogando con Tiziana Merletti

Il Cigno nero secondo Luigino Bruni

Si può imparare a litigare?

Simple Share Buttons