L’uomo come presenza relazionale

Martin Buber, tracciando lo statuto ontologico dell’uomo, afferma che la sua struttura fondamentale è la relazionalità e il suo essere si configura metafisicamente come essere-in-relazione e cioè come apertura e dialogalità. Pertanto, l’uomo si costituisce come…
Questo contenuto è riservato agli utenti registrati

Per visualizzarlo effettua il login

I più letti della settimana

No vax, no tax, no fax, no sax…

No vax, no tax, no fax, no sax…

Domande sui fatti di Voghera

Simple Share Buttons