L’uomo che non c’era

Ancora una volta i fratelli Coen non deludono nel mettere in scena le mille sfaccettature dell’anima umana, sospesa tra il dolore e tormento di un barbiere di provincia passivo e indifferente nei confronti della propria e dell’altrui esistenza, sullo sfondo di una provincia americana mai così triste e disperata. Un film intenso, privo di qualsiasi retorica (se non estetica), ricco di momenti memorabili e di scene magistrali che, nell’avvolgente bianco e nero della fotografia, traccia un ritratto estremo e sincero dell’esistenza marginale di un uomo assente dalla vita. Non è solo un discorso di stile quello che ormai da anni persegue il duo di cineasti, ma un tentativo sempre nuovo di comunicare, attraverso una sensibilità perennemente in bilico tra surrealismo e classicismo, la fatica del vivere e la lotta per e contro l’apparente futilità delle passioni umane. Regia di Joel Coen; con Billy Bob Thornton, Frances McDormant, Michael Badalucco.

Leggi anche

I più letti della settimana

I miei segreti

Amazon, un fenomeno da conoscere bene

Altri articoli

Con lo smartphone nei campi rom

In libreria

Gocce di Vangelo 17 aprile 2021

La scelta di Caparezza

Ripartiamo. Ok. Ma come?

Corridoi umanitari: una via sicura

Simple Share Buttons