L’originalità del pensare africano

L'Autore pone alla base della sua riflessione la sintesi di valori naturali e spirituali dei popoli dell'Africa nera ed individua la loro originale visione del mondo, dell'uomo e di Dio in una prospettiva vitalogica e profondamente comunitaria. Nel pensare del singolo si esprime tutto il popolo: ciascuno si presenta sempre come la sintesi della sua cultura. In tale ottica la vita viene concepita come principio di tutto il creato, come "forza vitale" che muove, sostiene e illumina tutto l'essere dei viventi a tal punto che ogni realtà dice "vita". Tutto ciò come opera di Dio. Nelle culture africane, ciò che è creato gode di un seme di immortalità, che è il fondamento della ricerca di Dio. Ed è ciò che spinge l'africano a desiderare la vita oltre la morte: le domande sull'uomo, sul mondo, sono rette nel fondo da questo desiderio d'eternità. Per questo motivo il mondo, l'uomo e tutto il creato assumono per l'africano un carattere divino.

I più letti della settimana

Il riposo secondo Francesco

No vax, no tax, no fax, no sax…

Domande sui fatti di Voghera

No vax, no tax, no fax, no sax…

C’è un modo per separarsi bene?

Simple Share Buttons