L’Occidente e la primavera araba

Le “rivoluzioni” del mondo arabo obbligano a rivedere radicalmente un concetto geo-politico ed un postulato ideologico ormai superato, quello espresso dalle parole: “Ampio Medio Oriente”. Esso corrispondeva al tentativo di applicare, in un contesto radicalmente diverso da quello originario, i principi fondamentali della filosofia politica del liberalismo, estendendoli a una regione compresa tra l’Atlantico e l’Hindukush. Più in generale, l’errore è stato quello di chi ritiene di poter esportare le procedure democratiche, senza parallelamente verificare le condizioni per rafforzare i processi democratici e senza attendere che essi emergessero ad un livello di maggior consapevolezza e convinzione nelle società interessate.

I fatti del 2011 dimostrano che è necessario, per l’Occidente e, in particolare, per l’Europa, passare dalla retorica del democracy export, cioè dell’esportazione (anche forzata) della democrazia, alla concretezza del democracy support, vale a dire del sostegno alle nuove fragilissime democrazie nascenti in Nord Africa e in Medio Oriente.

I più letti della settimana

No vax, no tax, no fax, no sax…

Domande sui fatti di Voghera

No vax, no tax, no fax, no sax…

Il riposo secondo Francesco

C’è un modo per separarsi bene?

Simple Share Buttons