L’Italia è bella!

Articolo

Frequentavo il primo anno di Legge nella mia città, Recife, in Brasile. La sera, dopo il lavoro in banca, passavo davanti a un ristorante italiano e spesso mi fermavo per una pizza. Una sera – la sala da pranzo era piena – si sentono urla e rumori sospetti che vengono dalla cucina. I clienti smettono di mangiare in evidente imbarazzo. Mi alzo e vado a vedere. I proprietari – marito e moglie – sono ai ferri corti. Dico: Se dovete proprio litigare chiudete le porte perché in questo modo perdete i clienti. Mi guardano meravigliati e lui mi fa: Ma noi non stiamo litigando, solo discutiamo sul menu di domani. La mia risata riportò distensione anche in sala, e per di più diventammo buoni amici. Il fatto è che gli italiani danno spesso di sé una visione negativa, che non corrisponde alla realtà. Ormai vivo in questo Paese da più di quarant’anni: qui ho studiato, lavorato, vissuto. L’ho girato in lungo e in largo e godo di un qualcosa che è unico e suo: l’italianità (cultura, storia, arte, fantasia, laboriosità e – perché no? – furbizia) con aspetti anche meno positivi, ma che rendono il Bel Paese un posto ideale per vivere. Ora l’Italia è davvero in profonda crisi. Non è certo questo il luogo per un’analisi dei tanti perché. Ma io do un voto di fiducia all’Italia, anzi agli italiani. Se guardassero dentro di sé come singoli e come popolo, troverebbero tutte le risorse necessarie per superare vecchi vizietti e antiche abitudini ancor meno tollerabili nella modernità. E allora ci aspettiamo un sussulto d’orgoglio tutto italiano in questo momento difficile, una specie di esame di coscienza collettivo che passi attraverso coordinate ben chiare: rispetto della legge, lavorare sodo, creatività e consapevolezza del proprio grande patrimonio morale e religioso. Una specie di patto fra tutte le regioni, classi sociali, categorie lavorative, istituzioni culturali, volontariato, pensionati, mondo dello spettacolo e dello sport, media, e anche (ahimè!) classe politica; un patto di comunità fra le tante e ricche diversità; un patto per l’Italia perché possa riprendere la strada della crescita per sé e per il mondo. Da brasiliana posso dire agli italiani con amore e rispetto: abbiate fiducia e guardate la vita con gioia perché, come dice Benigni, la vita è bella, perché noi la facciamo bella.

Leggi anche

I più letti della settimana

Altri articoli

Simple Share Buttons