A lezione di emergenza climatica

L’Italia sarà il primo Paese a insegnare nelle scuole sviluppo sostenibile e riscaldamento globale

Il ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti ha annunciato che da settembre 2020 la crisi climatica diventerà materia di studio obbligatoria nelle scuole italiane. Con il prossimo anno scolastico gli studenti avranno 33 ore annue – una a settimana – per approfondire i temi del riscaldamento globale. Un cambio del programma didattico importante e decisivo che coinvolgerà tutte le scuole pubbliche.

«L’intero ministero sta cambiando per fare della sostenibilità e del clima il centro del modello educativo», ha detto il ministro Fioramonti, che punta al primato mondiale come Paese in cui la sostenibilità ambientale sarà insegnata nelle scuole statali. I docenti delle scuole di I grado faranno lezioni più tecniche durante l’ora settimanale sul clima mentre alle superiori si approfondiranno i contenuti dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile. Per i bambini tra i 6 e gli 11 anni invece si stanno ipotizzando modelli pedagogici con fiabe.

Il ministro aveva già fatto notare la propria sensibilità per i temi ambientali in occasione del terzo sciopero per il clima, promosso da Fridays for future. In quell’occasione infatti Fioramonti aveva scritto una lettera ai dirigenti scolastici e ai docenti chiedendo di giustificare l’assenza dei ragazzi che non si sarebbero presentati a scuola per partecipare allo sciopero per il clima. Una scelta coraggiosa che ha fatto storcere il naso a buona parte dell’opposizione politica che lo ha criticato per aver incoraggiato gli studenti a saltare la scuola per manifestare per il clima.

Fioramonti ha annunciato che un gruppo di esperti – di cui fa parte anche Jeffrey Sachs, direttore dell’Harward Institute for International Development – aiuteranno come consulenti lo staff del ministro per approfondire la tematica.

Il verde a scuola

Il ministero dell’Istruzione ha realizzato il sito www.ilverdeascuola.it, dedicato alla raccolta di proposte provenienti da studenti e docenti, relative ai temi dell’ambiente, del cambiamento climatico e dell’educazione alla sostenibilità.

Leggi anche

I più letti della settimana

Altri articoli

Simple Share Buttons