L’esperienza della traduzione.

Verso un'ermeneutica dell'ospitalità e della reciprocità
Come accostarsi all’altro, lo straniero, senza ridurlo a sé? Il problema filosofico della traduzione si pone in questo spazio di possibilità tra l’irriducibile pluralità culturale e linguistica e l’occasione di una reciproca comprensione. A partire dall’ermeneutica di P. Ricoeur e di A. Berman, l’Autrice riflette sull’esperienza che deriva dall’esercizio di questa antica disciplina: un’esperienza che consiste innanzitutto in un incontro…
Questo contenuto è riservato agli utenti registrati

Per visualizzarlo effettua il login

Leggi anche

I più letti della settimana

Amore e delusione

I miei segreti

kung Küng

Hans Küng, l’arte del margine

Draghi, la Libia e i migranti

Come essere autentici

Altri articoli

Amazon, un fenomeno da conoscere bene

Corridoi umanitari: una via sicura

Voglia di potere

Agrovoltaico: sì, no, come?

Gocce di Vangelo 16 aprile 2021

Simple Share Buttons