L’economia di comunione via per l’unità dei popoli

Il momento attualmente vissuto dalla Comunità internazionale è caratterizzato dall' accendersi di un desiderio di protagonismo da parte dei Popoli, che rende inefficace l'insieme di strutture, apparati, disposizioni legislative esistenti. In questo contesto assume una sempre maggiore rilevanza il fattore economico, non solo per quanto riguarda il divario esistente tra Nord e Sud, ma anche per il ruolo che l'economia può avere in quel processo di integrazione tra gli Stati che si sviluppa fortemente dal secondo dopoguerra ad oggi. Vincenzo Buonomo evidenzia il contributo positivo che l'economia di comunione può apportare in appoggio a tendenze già esistenti che vanno verso «un'unica comunità planetaria».

Leggi anche

Questioni aperte
Draghi, la Libia e i migranti

Draghi, la Libia e i migranti

di
Contenuti Cn+
I contenuti Cn+ della settimana

I contenuti Cn+ della settimana

di

I più letti della settimana

Amore e delusione

crisi

Attraversare la crisi

Scopri Città Nuova di Aprile!

La salute del corpo sociale

Altri articoli

Giordania, il re rassicura

Hans Küng, l’arte del margine

La magia dei grandi balletti

Gocce di Vangelo 10 aprile 2021

Simple Share Buttons