Le idi di marzo

Uno dei più efficaci, precisi ed essenziali apologhi sulle miserie della politica.
Le idi di marzo

Non c’è niente di nuovo nell’ultimo film di George Clooney: due candidati alle primarie democratiche e relativi staff si sfidano in un crescendo di cinismo, ipocrisia e amoralità. Ma quello che distingue Le idi di marzo dai soliti film sulle campagne elettorali è la messa in scena di Clooney: lineare, pulita, equilibrata, impeccabile. Caratteristiche che rimandano a un cinema di altri tempi, che confermano Clooney regista sensibile e raffinato (assai più vicino a Clint Eastwood che a Oliver Stone). Il risultato è uno dei più efficaci, precisi ed essenziali apologhi sulle miserie della politica, che più che artefice del compromesso sembra esserne diventata vittima.

 

Regia di George Clooney; con Ryan Gosling, George Clooney, Evan Rachel Wood, Philip Seymour Hoffman, Paul Giamatti, Marisa Tomei.

 

Valutazione della commissione nazionale film: consigliabile, problematico, dibattiti (prev.).

Leggi anche

Cinema
Il prezzo del potere

Il prezzo del potere

di
Cinema
Perché rivedere The Passion

Perché rivedere The Passion

di
Anteprima
Nonostante la nebbia

Nonostante la nebbia

di
Cinema
Mai rinunciare ai sogni

Mai rinunciare ai sogni

di

I più letti della settimana

Amore e delusione

crisi

Attraversare la crisi

Scopri Città Nuova di Aprile!

La salute del corpo sociale

Altri articoli

Giordania, il re rassicura

Hans Küng, l’arte del margine

La magia dei grandi balletti

Gocce di Vangelo 10 aprile 2021

Simple Share Buttons