Le città di Pina Bausch

Amarezza e speranza, dolore e ironia nell’arte della coreografa tedesca.
Una scena dello spettacolo "Der Fensterputzer"

È una montagna di rosse rose e peonie la griffe vivace con cui Pina Bausch ha contrassegnato lo spettacolo Der Fensterputzer (il lavavetri): un luogo della mente e della memoria dove cercarsi e perdersi, tra labirinti tracciati con i petali o sotto una pioggia di fiori, mentre, sospeso alla parete di un grattacielo, su un ponte di bambù, un lavavetri osserva donne e uomini in movimento incessante.
Ad ispirare, nel 1997, questo spettacolo fu Hong-Kong, una delle metropoli che hanno segnato il percorso artistico della coreografa tedesca e del Tanztheater Wuppertal, tracciando una personale geografia dell'anima sulle città del mondo. Creazioni nate su commissione: da Roma a Los Angeles, da Mumbai a Lisbona, Budapest, Santiago. Città assorbite attraverso stimoli, emozioni, suggestioni sempre diverse e trasformate in icone di un immaginario che scava dentro la condizione umana con amarezza, ironia, speranza, dolore, per penetrare differenze e identità, dimensioni individuali e collettive, aspirazioni e alienazioni.
A tracciare una mappa di questi “viaggi” è la retrospettiva “World Cities 2012” a Londra fino al 9 luglio, con dieci spettacoli, evento principale delle Olimpiadi della cultura.

Leggi anche

Libri per bambini
La magia dei grandi balletti

La magia dei grandi balletti

di
Danza in streaming
Il magico mondo di Federico Fellini

Il magico mondo di Federico Fellini

di

I più letti della settimana

Amore e delusione

kung Küng

Hans Küng, l’arte del margine

I miei segreti

Draghi, la Libia e i migranti

Come essere autentici

Altri articoli

Cosa significa salute

Gocce di Vangelo 15 aprile 2021

Simple Share Buttons