Lasciare spazio, perché passi Dio

La “trasmissione della fede” non è, in ultima analisi, questione di metodi e di contenuti, ma parte dall’esperienza viva della presenza di Dio da cui può prendere poi il via anche un cammino di scoperta dei contenuti della fede. Un’esperienza che non si può produrre, ma che traspare e accade là dove si vive il Vangelo nell’amore fraterno e si può sperimentare quindi un’appartenenza a Dio e agli altri, un’energia che cambia la vita, una gioia ignota. Ce ne parla un noto esperto di pastorale che è stato a lungo parroco e attualmente coordina la pastorale nella diocesi di Hildesheim (Germania). 

Scarica l’articolo in pdf /

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Per visualizzarlo effettua il login

Non sei un utente abbonato?

I più letti della settimana

Chiara D’Urbano nella APP di CN

Edicola Digitale Città Nuova - Reader Scarica l'app
Simple Share Buttons