L’arte contemporanea e il religioso

(intervista di Jean-Pierre Rosa)
In questa intervista Olivier Clément espone rapide e incisive osservazioni su vari aspetti del rapporto tra cristianesimo e bellezza. AI centro dell’attenzione si pone il possibile incontro della sensibilità cristiana orientale, che si è espressa nell’icona, cioè in quella che Clément chiama «arte della trasfigurazione»; e della sensibilità cristiana occidentale, un’ «arte dell’ esodo», cioè del cammino nella storia, con un senso acuto delle sue responsabilità. Alcuni esempi di segni già presenti di un incontro e di una reciproca fecondazione, sono indicati da Clément nell’opera teologica di von Balthasar, la cui grande sintesi finale è tutta centrata sulla bellezza; in una recente riflessione di Jean Luc Marion sull’icona; nell’appassionata opera, in campo musicale di André Gouzes all’abbazia di Sylvanès.

I più letti della settimana

Dialogando con Tiziana Merletti

Si può imparare a litigare?

fedeltà

A proposito di fedeltà

Verso un noi sempre più grande

Simple Share Buttons