L’allegria rende santi

Compie 150 anni la grande opera iniziata da Giovanni Bosco a favore dei giovani.
L'allegria rende santi

A nove anni fece un sogno. In un grande cortile c’erano molti bambini che si divertivano, giocavano, ridevano; non pochi bestemmiavano. All’udire le bestemmie, lui si lanciò tra loro per farli tacere, gridando e anche indirizzando qualche sonoro pugno. Apparve allora un uomo anziano, dall’aspetto nobile, vestito con un manto bianco, il volto sorprendentemente luminoso. Lo chiamò per nome e gli ordinò di mettersi alla testa di quei bambini, aggiungendo: «Non con le percosse, ma con la mansuetudine e la carità dovrai guadagnare questi tuoi amici».

Il bambino di nove anni si chiamava Giovanni di nome e Bosco di cognome. I salesiani da lui poi fondati a Torino, il 18 dicembre 1859, divennero l’attuazione di quel sogno: una schiera di persone che, sulla scia del fondatore, danno tutto per stare tra i giovani, condividendone vita, esigenze e valori.

La loro azione, tesa a coniugare evangelizzazione ed educazione, vuole creare il clima adatto per “trarre fuori” (dal latino educere, da cui “educare”) il meglio dai ragazzi, per aiutarli a consolidare atteggiamenti che li portino a saper scegliere quanto c’è di buono, sano e gioioso. «Qui facciamo consistere la santità nello stare molto allegri», ripeteva spesso don Bosco. Dell’allegria aveva un’opinione altissima e storceva il naso nel vedere musi lunghi e sguardi arcigni: veniva da una famiglia contadina, avvezza al duro lavoro, ma ben consapevole – prima di molti psicologi moderni – del beneficio d’una liberante risata.

 

A due anni, Giovanni era rimasto orfano del padre, così si dovette adattare a diversi lavori per poter studiare; allo stesso tempo arginando il malcontento del fratello che non apprezzava quello spreco di tempo per imparare a leggere. Ma lui aveva tanta voglia di conoscere. Intanto, mamma Margherita li tirava su con dolcezza e pazienza infinita, educandoli alla fede con un potente quanto silenzioso esempio.

Divenne poi sacerdote, Giovanni, e seguendo un altro grande torinese, don Giuseppe Cafasso, si diede anima e corpo alla cura dei giovani poveri e sbandati d’una Torino che s’avviava all’industrializzazione fra dilagante miseria morale e materiale. Si conta che a quell’epoca fossero più di sette mila i bambini torinesi sotto i dieci anni che lavoravano nelle fabbriche: molti erano sfruttati e sottopagati; migliaia vivevano per le strade; alcuni, implicati in faccende di malavita, giacevano in prigioni malsane.

Il giovane sacerdote, ricordando il sogno avuto da bambino, capì al volo che doveva mettersi a capo di quei ragazzi, per aiutarli a realizzare qualcosa di grande nella vita. Con l’aiuto dell’infaticabile mamma Margherita, nel 1846 fondò il primo oratorio nel quartiere di Valdocco. Altri ne seguirono: negli oratori i ragazzi giocavano e ricevevano anche una prima formazione professionale.

 

Il metodo educativo di don Bosco era rivoluzionario per l’epoca. Invece di minacciare o punire, egli preferiva “prevenire”: sapeva che uno sguardo di disapprovazione può essere ben più efficace d’uno schiaffo. Comprendeva che i ragazzi dovevano essere sempre impegnati, nello studio o nel gioco, per evitare le tentazioni. Aveva imparato questo fin da giovane, quando s’inventava giochi di prestigio o s’esibiva in acrobazie per attirare i bambini del suo paese alla preghiera e all’ascolto del Vangelo. Il suo singolare “sistema preventivo” si poggia, come lui diceva, su tre gambe: ragione, religione, amorevolezza.

Non mancarono le difficoltà. Perché l’azione di don Bosco a favore dei giovani lavoratori – con l’impegno a stipulare contratti d’impiego a loro favorevoli – infastidiva gli imprenditori, i loro sostenitori politici e coloro che ritenevano inaccettabili le ingerenze della Chiesa nelle questioni del lavoro e della società. Così subì minacce e aggressioni. Ma molte volte, come egli racconta, compariva un grosso cane grigio a difenderlo: la bestia metteva in fuga i malfattori per poi sparire misteriosamente com’era venuta.

Non deve quindi sorprendere che un uomo tanto concreto e attivo desse molta importanza ai segni soprannaturali. Don Bosco attribuì ai sogni le intuizioni per molte sue opere: dal primo, avuto all’età di nove anni, a quello che lo indusse a costruire, vicino al primo oratorio, la grande chiesa di Maria Ausiliatrice, così cara ai torinesi. Sulla soglia della morte, don Bosco poteva ben affermare d’aver portato a compimento quanto una volta aveva scritto ai suoi giovani: «Difficilmente potrete trovare chi più di me vi ami in Gesù Cristo e che più desideri la vostra vera felicità».

 

Infine, devo ammetterlo. Anch’io ho corso su e giù per i campi di calcio d’un oratorio, ogni giorno della settimana, ogni intervallo fra le lezioni. Ero allievo d’una scuola salesiana e ho beneficiato di quel clima. Ritengo inoltre d’aver avuto una fortuna singolare: lì, fra tanti degni educatori che ho incontrato, mi sono imbattuto in quella che è stata una figura essenziale nella mia vita. Un sacerdote la cui acuta intelligenza, il cui sorridente senso comune e la cui profonda spiritualità lo portavano a creare, in classe e fuori, un clima improntato all’autentica libertà. Per tutti noi, allievi, era facile capire che eravamo, proprio noi, il centro di tutta la sua opera educativa. Mi dicevo: non ho conosciuto don Bosco, ma questo don qui, dev’essere qualcosa d’assai simile. A lui devo tanto. Anche l’aver sviluppato il talento (si fa per dire!) per la scrittura. Di cui purtroppo voi, cari lettori, fate le spese.

 

Società San Francesco di Sales

I salesiani sono oggi 16.092 (10.669 sacerdoti, 2.025 coadiutori, 2.765 seminaristi, 515 novizi, 118 vescovi, dei quali 5 cardinali), presenti in 129 nazioni. Le opere salesiane comprendono attività di formazione, oratori e centri giovanili, scuole, convitti, orientazione vocazionale, parrocchie, promozione e comunicazione sociale. La Famiglia salesiana, composta da circa 400 mila membri, consiste in 26 organizzazioni ispirate dal carisma di don Bosco.

Leggi anche

Riflessioni
La promessa

La promessa

di

I più letti della settimana

Amore e delusione

crisi

Attraversare la crisi

kung Küng

Hans Küng, l’arte del margine

Scopri Città Nuova di Aprile!

Come essere autentici

Altri articoli

Dopo Filippo, la fine di un’epoca?

Gocce di Vangelo 12 aprile 2021

Giordania, il re rassicura

La magia dei grandi balletti

Simple Share Buttons