La vera armonia familiare

“I nostri due bambini fanno sempre il contrario di quello che gli diciamo, e in genere cose sbagliate.Tutte le volte promettono di cambiare, ma poi siamo daccapo. Paolo poi è voracissimo: dipendesse da lui, mangerebbe succhiando direttamente dal piatto. È vivacissimo, combina sempre pasticci. Tutti e due sembra che lo facciano apposta a disobbedirci. Dove l’armonia familiare di una volta?”. Coniugi Boschiero Ci vorrebbe più spazio per dare una risposta a questa comunissima situazione di disagio, che purtroppo aumenterà se non sono chiari due concetti. Primo: la mentalità dei bambini è molto differente da ciò che pensano gli adulti. Sottomessi da piccoli, crescendo cominciano a fare quello che vogliono. Secondo: è necessario, proprio all’età che hanno i vostri figli, stabilire poche regole essenziali, e poi camminare affiancati ma ciascuno sul proprio sentiero. I figli, come aquiloni, voleranno alto; ai genitori spetta solo dare progressivamente il filo… E giacché “siamo in aria”, prendiamo come esempio gli uccelli. Quanta cura nell’intessere il soffice nido, quante ore di eroica immobilità nel covare. Poi l’estenuante ricerca del cibo… Dopo però aver sorvegliato i primi voli dei propri piccoli, negheranno loro il cibo perché dovranno sbrigarsela da soli. Analogamente, si va preparando nei vostri bambini la fase della maturazione e della distinzione. Non si può considerare armonia” soltanto la tappa in cui, come i piccoli nel nido, si aspettavano tutto pigolando. I genitori che manterranno un bel rapporto di confidenza e di dialogo sono quelli che vedono positive le tappe di sviluppo dei loro figli, le facilitano, le incoraggiano. Ma attenzione! La famiglia ha anche delle regole: non si può succhiare dal piatto come i cagnolini. Sarà dunque utile ogni tanto il colloquio familiare in cui fissare delle regole: pena saltare il pranzo.Anche accettare limitazioni è crescere. Tutti d’accordo, però.

I più letti della settimana

Eichmann

Eichmann e la banalità del male

Esercizi di… radicamento

Beato Livatino

Il giudice ragazzino “vive” ancora

Simple Share Buttons