La provvidenza copre ogni cosa

Una famiglia incontra una persona in difficoltà nel bel mezzo della notte e senza pensarci due volte la assiste. La risposta generosa di un Padre che vede nel segreto
Al ristorante

Un sabato sera siamo andati a portare un nostro nipote a casa sua, dall’altra parte della città. Maria Celia, mia moglie, mi ha suggerito di tornare per un’altra strada, un viale in costruzione ancora non illuminato. A un certo punto abbiamo visto una persona che ci chiamava nell’oscurità, abbiamo rallentato e avvicinandoci abbiamo notato una moto in un fosso profondo. Mi sono fermato immediatamente.

Il giovane, che ha detto di chiamarsi Matías, non aveva visto un bordo sterrato, l’ha superato ed è caduto con la moto nel fosso. Miracolosamente aveva riportato solo qualche botta, ma anche un grande spavento. Abbiamo chiesto a nostro figlio Ramiro di scendere nel fosso e siamo riusciti a trovare il cellulare di Matías, praticamente sepolto sotto la moto.

Era ansioso di mettersi in contatto con il fratello e, probabilmente a causa del nervosismo, non riusciva a ricordare il numero di telefono. Ho cercato una corda che porto sempre in macchina e con manovre precise siamo riusciti a tirare fuori la robusta moto che, per la felicità del giovane, è partita senza problemi. Poi ha chiamato suo fratello, che è arrivato subito con un cugino.

Matías ci ha ringraziato per il nostro aiuto e ci ha chiesto il numero di telefono, dicendo che in cambio ci avrebbe invitato a cena in un negozio di sua proprietà. Gli abbiamo detto di non preoccuparsi, che il nostro aiuto era stato disinteressato e che non era conveniente per lui perché la nostra famiglia è numerosa. Tuttavia, glielo abbiamo dato perché ci facesse sapere come stava, visto che non aveva voluto chiamare un’ambulanza per un controllo. Ci siamo salutati.

Due settimane dopo ho ricevuto un messaggio WhatsApp da Matías che ci invitava a cena nel suo ristorante. Insisteva dicendo: «Non preoccupatevi di nulla, venite, vi aspettiamo qui, vogliamo che vi godiate una bella cena». Lo abbiamo detto ai ragazzi, che sono stati felicissimi dell’invito. Ci siamo preparati e siamo andati in sette della famiglia.

Lui ci accolse con gioia, insieme a suo fratello. È stato molto difficile per noi ricevere queste attenzioni, ma abbiamo capito che per loro era il loro modo di ringraziarci. Ci ha confessato che se fosse stato lui a passare da quel luogo e avesse visto qualcuno in un incidente, «in nessun modo» si sarebbe fermato in quel buio.

All’inizio di ogni mese abbiamo l’abitudine di uscire in famiglia per mangiare pizze e lomitos. Un’abitudine che ci piace molto. Proprio quel mese, calcolando il nostro budget, avevamo visto che non sarebbe stato possibile fare la nostra tradizionale uscita a causa delle spese extra di due compleanni e dei regali per la Giornata dei bambini. Ma Dio aveva previsto di regalarci la gita di famiglia.

Toni Vega

Questo articolo è stato pubblicato originariamente in spagnolo nel numero di maggio di Ciudad Nueva Cono Sur. Sito web: https://revistaciudadnueva.online/.

Sostieni l’informazione libera di Città Nuova! Come? Scopri le nostre rivistei corsi di formazione agile e i nostri progetti. Insieme possiamo fare la differenza! Per informazioni: rete@cittanuova.it

I più letti della settimana

Mediterraneo di fraternità

La forte fede degli atei

Edicola Digitale Città Nuova - Reader Scarica l'app
Simple Share Buttons