La giusta distanza

È un ritratto in grigio della provincia padovana quello che Carlo Mazzacurati disegna nel suo ultimo film, quella provincia da cui era partito e a cui torna con uno sguardo pacato e, per certi versi, disincantato. Nell’apparente tranquillità di un paesino della bassa l’arrivo della nuova maestra, una giovane e bella ragazza toscana dal carattere fin troppo aperto, è sufficiente a sconvolgere equilibri e abitudini consolidate. Il meccanico tunisino si innamora della nuova venuta e con lei intreccia una relazione tenera e intensa, osservata dallo sguardo di un giovane aspirante giornalista, corrispondente in incognito de Il Resto del Carlino. Ma è un po’ tutto il paese che si trova a confrontarsi con questo elemento estraneo, con risultati a volte sgradevoli, a volte comici. La provincia di Mazzacurati non è quella di Lynch. Il massimo della violenza è quella del misterioso serial killer che uccide i cani con una carabina. Anche l’omicidio nel finale è più un incidente che l’espressione di un male diffuso.Domina su tutto il repertorio dei vizi comuni a tutte le comunità chiuse: inganni, tradimenti, ipocrisie, espressioni di un malcostume più che di un vero e proprio malessere sociale. Certo, si percepisce un razzismo strisciante, vissuto più con rassegnazione che con rabbia dagli stranieri presenti in paese e la sensazione è che la perdita di valori e punti di riferimento sia ormai un dato acquisito e generalizzato. Ma il regista rimane distaccato da tutto, il suo è lo sguardo del cronista che, come il giovane giornalista, deve sforzarsi di mantenere la giusta distanza dai fatti e dai personaggi, non lasciarsi coinvolgere. Ne esce un film delicato e intenso, raccontato benissimo anche grazie alla convincente prova di un cast indovinato. Peccato che la storia si perda un po’ nel finale, quando vira sui toni del giallo e in questo cambio di registro, tra l’altro non strettamente necessario ai fini della storia, il racconto si fa meno convincente e un po’ didascalico. Ma al di là di questi limiti, il film di Mazzacurati resta un efficace ritratto di un paese inconsapevolmente malato. Regia di Carlo Mazzacurati; con Giovanni Capovilla, Valentina Lodovini, Ahmed Hafiene, Natalino Balasso, Fabrizio Bentivoglio, Ivano Marescotti.

Leggi anche

I più letti della settimana

I miei segreti

kung Küng

Hans Küng, l’arte del margine

Amore e delusione

Altri articoli

Con lo smartphone nei campi rom

In libreria

Gocce di Vangelo 17 aprile 2021

La scelta di Caparezza

Ripartiamo. Ok. Ma come?

Amazon, un fenomeno da conoscere bene

Simple Share Buttons