La fraternità nella politica e nel diritto

Due recenti pubblicazioni aprono anche in Italia – a livello accademico – il dibattito sulla fraternità intesa come categoria capace di giocare un ruolo non solo nei rapporti personali e sociali di ambito più stretto, ma anche nello spazio pubblico. Pubblicati a breve distanza dall’Editrice Città Nuova, i due testi sono molto diversi fra loro e, per certi aspetti, complementari.

Si situano tutti nell’ambito del diritto pubblico, invece, gli autori del secondo volume, Il principio dimenticato. La fraternità nella riflessione politologica contemporanea, curato da A.M. Baggio, raccoglie gli interventi di studiosi di diverse discipline, dalla filosofia politica alla politica internazionale, dalla scienza politica alla teoria della comunicazione.La fraternità come principio del diritto pubblico, curato da A. Mattioni e A. Marzanati, che toccano temi di grande rilevanza, quali la fraternità fra generazioni e fra diverse parti del territorio, la fraternità come criterio di bilanciamento dei diritti e nella riforma dello Stato sociale, il rapporto tra fraternità e solidarietà “orizzontale” quale mezzo per la giuridicizzazione della fraternità stessa.

 

Articolo completo disponibile in Pdf

I più letti della settimana

Lorenzo è volato in cielo

Casamicciola

Casamicciola: si poteva evitare

Simple Share Buttons